L’Inter cambia proprietà e anche allenatore: dentro un top

Con un prestito da rifornire a Oaktree entro il 2024, a breve potrebbe consumarsi la separazione tra Zhang e l’Inter. Svelata la nuova presidenza ed il futuro tecnico

In casa Inter, continua a persistere una situazione dal punto di vista societario tutt’altro che semplice da gestire e diventata, nel tempo, sempre più difficoltosa da portare avanti.

Steven Zhang (LaPresse) – interlive.it

A testimoniarlo sono proprio tutta quella serie di investimenti che l’Inter avrebbe voluto permettersi nel recente passato ma che, per forza di cose, non ha potuto compiere.

Da tempo, infatti, Zhang è alle strette con alcuni creditori: uno su tutti ci porta a fare riferimento proprio a Oaktree, nota società statunitense specializzata sin da sempre in determinate strategie di investimento e che, non per niente, ha fornito fior e fior di quattrini all’imprenditore cinese negli scorsi anni basandosi, chiaramente, sulla fiducia.

Ora, più trascorrono i giorni e più il 2024 si avvicina: anno in cui l’attuale patron nerazzurro dovrà, a buon rendere, restituire quel prestito da 275 milioni di euro fornitogli in passato da Oaktree.

A tal proposito, dunque, è proprio in tale annata che potrebbe concretizzarsi una presunta separazione tra le due parti. Si, stiamo parlando di Zhang e del suo presunto addio dall’Inter: il che vorrebbe dire che, a quel punto, i nerazzurri avrebbero poi un nuovo proprietario.

Tante, tantissime le incertezze che regnano ad oggi sul futuro della proprietà nerazzurra: a cominciare dal fatto che spesso e volentieri, in questi ultimi tempi, di candidati a poter subentrare al posto dell’imprenditore cinese ne sono sorti fuori eccome, ma se c’è un qualcuno che, ad oggi, appare sicuramente in pole, quella pare essere una qualsiasi proprietà statunitense.

Zhang-Inter, nel 2024 può essere addio tra i due: al suo posto una proprietà statunitense e un allenatore da urlo

Come già anticipato, Steven Zhang ha i giorni contati ed è perciò che deve restituire quel famoso prestito fornitogli in passato da Oaktree entro il 2024 e da cui all’azienda statunitense spettano ancora 275 milioni di euro.

In caso di cambio di proprietà: fuori Inzaghi, dentro un big
Steven Zhang (LaPresse) – interlive.it

Parliamoci chiaro. Quella nella quale si trova l’attuale presidente dell’Inter, non è certamente una delle migliori situazioni possibili: colui che per forza di cose, proprio in tale e determinata annata, potrebbe finire per fare le valigie da Milano.

L’idea, a questo punto, non è altro che quella di vedere al suo posto il subentro di una nuova proprietà statunitense: ipotesi che, al momento, resta la più plausibile.

Ciò significherebbe che, a quel punto, la ‘Beneamata’ potrebbe anche arrivare a permettersi ciò che ha tanto desiderato in tutti questi ultimi anni: ossia compiere gli investimenti più ambiti, incluso il presunto ingaggio di un futuro tecnico dall’elevata caratura internazionale.

Eccezion fatta per Jurgen Klopp, un nome – in quel caso appetibile – potrebbe anche essere quello di Roberto De Zerbi: colui che tanto ha ben figurato al cospetto del Brighton nella regular season appena terminata e che, tra le tante cose, vanta innumerevoli apprezzamenti da parte di determinati dirigenti nerazzurri.

Impostazioni privacy