Serie A 2023/2024: il calendario dell’Inter

Fissati i criteri di compilazione del calendario della Serie A 2023/2024, alle ore 12:30 del 5 luglio sono cominciati i sorteggi

Ecco tutte le date della nuova stagione nerazzurra… La prima giornata, in programma il 20 agosto, l’Inter dovrà vedersela con il Monza. Si parte dunque con una partita in casa. La seconda giornata il Cagliari ospiterà i nerazzurri all’Unipol Domus. Poi arriva lo scontro contro la Fiorentina.

Calendario Seria A 23/24: tutti i match dei nerazzurri
Inzaghi (LaPresse) – interlive.it

La Serie A ha deciso che nel primo e nel secondo turno, nell’ultimo turno (cioè nel trentottesimo), nell’infrasettimanale feriale (quindi il sesto turno), nella partita precedente (quinto) e nel diciannovesimo turno (giornata che si accavallerà con la Supercoppa) non si potranno giocare i big-match. E cioè le partite tra Atalanta, Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli e Roma. E neppure i derby di Roma, Milano, Torino e quelli Fiorentina-Empoli e Napoli-Salernitana.

E così la prima sfida di peso per l’Inter della stagione di Serie A 2023/2024 arriverà al quarto turno col derby: Inter-Milan. Per il derby d’Italia bisogna attendere il tredicesimo turno, e cioè fine novembre. Subito dopo c’è il Napoli.

Calendario Serie A 2023/2024: tutte le partite in programma per l’Inter

Ecco nello specifico l’intero campionato nerazzurro…  Torna la novità della scorsa stagione: il calendario del girone di ritorno non sarà lo stesso del girone di andata: l’ordine delle partite sarà diverso.

ANDATA

1° Inter-Monza (20 agosto)
2° Cagliari-Inter (27 agosto)
3° Inter-Fiorentina (nel weekend del 3 settembre)
Inter-Milan (20 settembre)
5° Empoli-Inter (24 settembre)
6° Inter-Sassuolo (27 settembre)
7° Salernitana-Inter (primo ottobre)
8°  Inter-Bologna (8 ottobre)
9°  Torino-Inter (22 ottobre)
10° Inter-Roma (29 ottobre)
11° Atalanta-Inter (5 novembre)
12° Inter-Frosinone (12 novembre)
13° Juventus-Inter (26 novembre)
14° Napoli-Inter (3 dicembre)
15° Inter-Udinese (10 dicembre)
16° Lazio-Inter (17 dicembre)
17° Inter-Lecce (23 dicembre)
18° Genoa-Inter (30 dicembre)
19° Inter-Verona (7 gennaio)

RITORNO

20° Monza-Inter (14 gennaio)
21° Inter-Atalanta (21 gennaio)
22° Fiorentina-Inter (28 gennaio)
23° Inter-Juventus (4 febbraio)
24° Roma-Inter (11 febbraio)
25° Inter-Salernitana (18 febbraio)
26° Lecce-Inter (25 febbraio)
27° Inter-Genoa (3 marzo)
28° Bologna-Inter (10 marzo)
29° Inter-Napoli (17 marzo)
30° Inter-Empoli (30 marzo)
31° Udinese-Inter (7 aprile)
32° Inter-Cagliari (14 aprile)
33° Milan-Inter (21 aprile)
34° Inter-Torino (28 aprile)
35° Sassuolo-Inter (5 maggio)
36° Frosinone-Inter (12 maggio)
37° Inter-Lazio (19 maggio)
38° Verona-Inter (26 maggio)

Per ora è ancora irrisolta la questione dei diritti tv. Della questione ne ha parlato anche il giornalista Marco Bellinazzo è intervenuto ai microfoni di calciomercato.it, in onda sul canale Twitch TVPLAY. Negli scorsi giorni si è tenuta a Milano l’Assemblea di Lega per discutere le offerte presentate dai broadcaster per il nuovo ciclo. La decisione finale ha deluso tutti. Nessuna delle proposte pervenute è stata accettata in prima battuta.

Diritti TV: scontro fra DAZN, Sky e Mediaset

All’asta si sono presentate DAZN, Sky e Mediaset, che è interessata alla partita del sabato sera in chiaro. Non sono giunte offerte da Amazon e Apple. Ora si procederà con un’estensione delle trattative private. E i broadcaster dovranno presentare nuove offerte ai club di A. La nuova Assemblea di Lega è in programma per il prossimo 14 luglio.

Diritti tv Serie A: non c'è ancora accordo
Diletta Leotta, volto di DAZN (LaPresse) – interlive.it

La partita del sabato in chiaro è una possibilità“, ha detto Bellinazzo. “Mediaset vorrebbe ovviamente replicare la scommessa fatta sulla Coppa Italia. Ma il problema è che nel momento in cui cedo in chiaro una partita importante, quella del sabato sera, tolgo un elemento prezioso ai bandi per la pay-tv“.

Mediamente, per i prezzi attuali, una partita di Serie A costa tra i 3 e i 3 milioni e mezzo, facendo i conti della serva“, ha continuato l’intervistato. “Tolto Juve, Inter e Milan, che fanno il 70% dell’audience, un altro 15% lo fanno Roma e Napoli. Il resto delle squadre fa pochi spettatori. Se tu togli una partita di quelle squadre che portano audience, Sky e DAZN sono legittimate a chiedere lo sconto“.

Impostazioni privacy