Il mistero di LionRock: rumors incredibili, spunta Moratti

Ora tutti si interrogano sul mistero LionRock e qualcuno tira in ballo Moratti come investitore occulto di Zhang

Massimo Moratti ha lasciato intendere di aver sempre fatto il tifo per Zhang: avrebbe voluto che il giovane presidente cinese potesse mantenere il controllo sul club. Steven Zhang, alla fine, non ce l’ha fatta e Moratti ha espresso preoccupazione sul futuro del club gestito dal fondo Oaktree.

Dubbi sul rapporto di Moratti con Zhang
Moratti socio occulto di LionRock? (Ansa) – interlive.it

I fondi puntano a capitalizzare, e investono solo nella misura di un ritorno veloce. Questo, in sintesi, il dubbio principale dell’ex presidente nerazzurro, che ha sempre ragionato all’opposto, cioè spendendo in base alla passione.

Si torna a parlare di Moratti non solo per il suo coinvolgimento emotivo con l’Inter e il suo affetto per Steven Zhang. Qualcuno pensa che Moratti c’entri anche con LionRock, il fondo di Hong Kong che in questi anni ha accolto investimenti anonimi per supportare la presidenza di Zhang.

Moratti investitore nascosto nel fondo LionRock

Ieri sul Corriere dello Sport Alessandro F Giudice ha dedicato un lungo articolo al mistero LionRock. Parliamo di un fondo di Hong Kong che nel 2019 è diventato il più grande socio di minoranza dell’Inter rilevando il 31,05% delle azioni ancora in mano a Suning… Se ne era già parlato parecchio lo scorso gennaio quando un’inchiesta di Panorama aveva cercato di mettere in luce alcune operazioni sospette del fondo in un conto alle Cayman.

Mister LionRock: c'entra Moratti
Moratti negli anni gloriosi del Triplete (Ansa) – interlive.it

Sull’ufficiale Cayman Island Gazette era stato pubblicato l’elenco delle società che il 31 gennaio sarebbero state cancellate dal registro delle imprese dell’isola caraibica. E fra queste figuravano anche due società satelliti collegate a LionRock. E ci si interrogava dunque sulle ragioni della cancellazione dal registro. Una questione legale? O addirittura il mancato pagamento delle tasse d’imposta (cioè poche migliaia di dollari)?

Tom Pitts, numero uno per l’Europa del fondo LionRock, spiegò che la holding alle Isole Cayman, controllata dal fondo stesso e utilizzata per acquisire la quota di minoranza dell’Inter, non ha mai rischiato la cancellazione dal registro delle Cayman, ma che ha solo ritardato le procedure per la nuova iscrizione.

Benefattori di Zhang e inutili gossip

Giudice si chiede come mai LionRock abbia dato via così facilmente un asset che aveva pagato 150 milioni cash, solo per far ottenere a Zhang un prestito. Si chiede anche perché LionRock, in quanto socio di minoranza, abbia rinunciato al diritto di vendere tutte quelle azioni prima di farsele togliere a zero.

Moratti e l'aiuto a Zhang
Steven Zhang (Ansa) – interlive.it

Poi la domanda di puro gossip: chi sono gli investitori di LionRock? Il giornalista si chiede se dietro LionRock ci siano davvero dei misteriosi soci italiani, e tra questi, come si vocifera, pure Massimo Moratti. E come mai uno come Moratti avrebbe dovuto investire in incognito, tramite un fondo di Hong Kong? 

La questione, così posta, appare irrilevante. LionRock è nato come fondo per poter fare entrare capitali cinesi, prestiti, finanziamenti puri e altro, su garanzia di Zhang Senior. Probabilmente Suning ha già estinto tutti i relativi debiti di quei prestiti nel 2021.

Ora sappiamo che quelle quote erano già state rilevate da Great Horizon, con ogni probabilità a gennaio 21 quando scattavano le opzioni. Sappiamo anche che la titolare ufficiale del 31% è stata fino a due giorni fa la International Sports Capital spa, una società italiana già esistente dai tempi di Thohir regolarmente indicata nei libri soci e menzionata in ogni documento ufficiale.

Quindi non c’è nulla di nascosto, di torbido o di misterioso. In LionRock c’erano cinesi e italiani. Così come cinesi e italiani erano presenti nel CdA. Magari Moratti ha investito davvero. Ma dove sarebbe il problema? Ha voluto fidarsi di Zhang o ha voluto fare un regalo all’Inter. Tutto qua.

Impostazioni privacy