Handanovic: “L’Inter è cambiata. In campo si vede che…”

0
18
Samir Handanovic (Getty Images)

INTER HANDANOVIC / MILANO – Samir Handanovic Non ha dovuto faticare troppo, in queste prime quattro giornate. Rispetto al recente passato, però, lo sloveno subisce pochissimi tiri e, di conseguenza, i palloni che vanno ad insaccarsi alle sue spalle rappresentano una rarità. Appena uno, tanto per avvalorare la tesi mostrata poc’anzi, da quando sono iniziate le gare ufficiali; roba da sbadigli: “Se arrivano meno tiri, il merito è di tutta la squadra – dichiara il portiere sloveno ai microfoni di ‘Sky Sport’ -. Piano piano ci stiamo conoscendo tutti. Col tempo, e con un duro lavoro tattico, il nuovo percorso sarà ancora più chiaro”.

Differenze rispetto all’anno scorso sono visibili a occhio nudo, anche se al numero uno nerazzurro non piace sputare nel piatto dove ha mangiato: “Non è corretto dire che ‘l’anno scorso avevamo una mentalità perdente‘, ma una volta sul campo è facile comprendere come si è lavorato durante la settimana”. Obiettivi per l’Inter di Mazzarri? “Ci attendono tre partite (Fiorentina, Cagliari e Roma) importanti per il nostro cammino. Per ragionare sui possibili traguardi, aspettiamo la ventesima giornata. Sarebbe bello ritrovare le Coppe”, conclude saggiamente Handanovic.

 

R.A.