Lippi: ”Vieri-Ronaldo, che rimpianto! Fallii all’Inter perché…”

0
54
Vieri e Ronaldo
Vieri e Ronaldo

INTER VIERI RONALDO LIPPI / MILANO – Intervistato dal ‘Corriere dello Sport’, Marcello Lippi ha parlato anche del suo passato interista: ”L’Inter è tra le mie cinque candidate allo scudetto, con Juve, Napoli, Milan e Roma. Mancini è stato bravo a fare quadrato e prepararsi a vincere. Certo, ha potuto lavorare serenamente, godendo del credito accumulato grazie a quello che aveva vinto in passato in nerazzurro. Lui è arrivato nella passata stagione, ha potuto vedere e valutare tutto e poi fare le sue richieste: a un altro avrebbero detto no. Invece lui ha costruito la sua squadra, fatta di forza e centimetri, ha vinto 4 partite, senza brillare; ma questo diventa ultrapositivo; se sai di aver giocato al 40-50% delle tue possibilità e hai fatto il pieno di punti questo diventa un’iniezione di fiducia, di autostima. La mia esperienza a Milano? Il buco interista di Lippi… lo lo considero come una tappa; non si può vincere sempre, ci sono alti e bassi. Ho avuto tantissimi alti, l’Inter è un basso, come altri che ho avuto. Il perché non è più importante: era una grande squadra, un grande ambiente, ma non è andata benissimo, tutto qua. Però… Per male che andò, arrivammo quarti in campionato, spareggiando col Parma, battuto, per il posto Champions e in finale di coppa Italia, persa in un modo rocambolesco con la Lazio. Direi che non si può parlare di fallimento. Quando la seconda stagione iniziò come iniziò, dopo Reggio Calabria tagliai subito corto. Rimpianti? A Vieri è legato il mio più grande rimpianto, targato Inter tra l’altro: la coppia di attaccanti era Vieri-Ronaldo, entrambi nel pieno, a 26 anni, roba da urlo. Tra infortuni vari, però, insieme avranno giocato tre partite. Ronaldo si ruppe proprio qui a Roma, contro la Lazio… Ma non fu lui il più forte che ho allenato: il più grande di tutti è Zinedine Zidane; negli ultimi 40 anni Maradona, negli ultimi 20 Zizou. Voi avete visto quello che ha fatto in campo; non potete capire cosa riusciva a fare in allenamento, era uno spettacolo, una persona speciale, un ragazzo eccezionale, ben oltre il neo della testata di Berlino a Materazzi” ha concluso.

S.M.