Inter-Fiorentina 1-4, Kalinic e compagni strapazzano i nerazzurri

0
120
Inter-Fiorentina 1-4
Inter-Fiorentina 1-4

SERIE A INTER-FIORENTINA 1-4 / MILANO – Lectio magistralis della Fiorentina, che al ‘Meazza’ domina e stravince togliendo tante certezze e il primato in solitaria all’Inter. Alla mezzora, dopo l’espulsione di Miranda, il big match è già chiuso in favore dei viola, in testa alla classifica dopo diciassette anni. Nella ripresa prova a riaprirla Icardi, ma è solo un’illusione. A un quarto d’ora dalla fine Kalinic fa tripletta, fissando il risultato sull’1-4. Serata nerissima per Mancini che ora, dopo l’euforia per le cinque vittorie consecutive, dovrà gestire meglio lo sconforto per il pesante ko.

LA PARTITA
Difesa alta, pressing calibrato e ultraoffensivo, raddoppi di marcature, palleggio di alto livello, movimenti da vera squadra. Unica in campo. La Fiorentina fa accademia e dopo venti minuti è già avanti di tre gol. Inizia malissimo la serata dell’Inter. Perde Jovetic nel riscaldamento e al 2′, dopo l’errato controllo di un retropassaggio avvelenato di Medel, col corpo Handanovic atterra Kalinic giunto come un treno; è rigore che Ilicic trasforma con grande tranquillità. Fin dall’inizio Mancini ha provato a limitare gli avversari mettendosi quasi a specchio (3-5-2), ma così facendo ha tolto sicurezze ai suoi, apparsi comunque poco reattivi e disuniti. Il raddoppio arriva un quarto d’ora più tardi: il 72 viola salta con facilità Kondogbia e poi conclude – senza l’opposizione di Melo – col mancino in porta, Handanovic respinge male a mano aperta, il pallone carambola sulla linea di porta dove è pronto Kalinic, che fa 2-0. Nerazzurri in bambola, provano a riversarsi in avanti ma mancano le idee, un filo conduttore. I viola perfetti in fase difensiva e fanno quello che vogliono col pallone fra i piedi. Al 22′ Alonso si beve Perisic (nelle vesti di terzino) e serve al centro per l’ex bomber del Dnipro che, in spaccata, infila in rete: 3-0. Otto minuti più tardi Miranda atterra Kalinic diretto in porta e si becca il rosso. La partita è virtualmente chiusa alla mezzora.

Nella ripresa l’undici di Paulo Sousa continua a gestire ed essere padrone del gioco, l’Inter si riordina con Ranocchia e Biabiany segnando al 60′, con Icardi di testa, l’inutile 1-3. Che diventa 1-4 al 75′: leggero nel contrasto Santon, Kalinic serve Ilicic che gliela ridà a porta quasi vuota. Tripletta facile. Game over.

INTER-FIORENTINA 1-4
3′ Ilicic su rigore, 17′ 22′ e 75′ Kalinic, 60′ Icardi

INTER (3-5-2): Handanovic; Santon, Miranda, Medel, Perisic (60′ Biabiany); Guarin (78′ Brozovic), Melo, Kondogbia (46′ Ranocchia), Telles; Palacio, Icardi. A disp.: Carrizo, Jesus, Nagatomo, Montoya, Dimarco, Gnoukouri, Ljajic, Manaj. All.: Mancini.

FIORENTINA (3-4-2-1): Tatarusanu; Roncaglia (74′ Gilberto), Rodriguez, Astori; Blaszczykowski (68′ Tomovic), Vecino, Badelj (82′ Mati Fernandez), Marcos Alonso; Ilicic, Borja Valero; Kalinic. A disp.: Sepe, Lezzerini, Bernardeschi, Rebic, Suarez, Verdù, Rossi, Babacar. All.: Paulo Sousa

ARBITRO: Damato di Barletta
AMMONITI: 2′ Handanovic, 39′ Kondogbia, 42′ Guarin, 81′ Medel (I); 68′ Kalinic, 90′ Alonso (F)
ESPULSI: 30′ Miranda (I)

Raffaele Amato