Home Calciomercato Inter: ultimi scoop di mercato Inter, un esterno per Spalletti: Politano candidato forte

Inter, un esterno per Spalletti: Politano candidato forte

Politano dopo il gol all’Inter (Getty Images)

CALCIOMERCATO INTER POLITANO / L’Inter è al lavoro per regalare a Spalletti anche un esterno. Candidato forte è Matteo Politano del Sassuolo. Due motivi lo ‘spingono’ in nerazzurro, entro magari il prossimo 30 giugno. Eccoli nell’approfondimento di ‘Calciomercato.it’: “L’Inter punta a rafforzare la rosa di Luciano Spalletti anche con un esterno (due se dovesse partire uno tra Perisic e Candreva). Il ‘sogno’ di Ausilio e, a quanto pare, anche dello stesso tecnico nerazzurro si chiama Federico Chiesa. L’obiettivo è, però, estremamente difficile: la Fiorentina chiede tantissimo perché non vuole privarsene, perlomeno nel prossimo calciomercato estivo, in più la concorrenza sul classe ’97 è di quelle importanti e comprende, soprattutto, la Juventus.
Negli ultimi giorni ha preso corpo la candidatura del brasiliano Malcom in forza al Bordeaux: ma anche per lui gli ostacoli sono gli stessi, prezzo (dai 40 milioni in su) alle pretendenti che per il 21enne sono tutte di altissimo livello, dal Bayern Monaco alle inglesi Chelsea, Liverpool e Manchester United”.

“Ecco perché, sul fronte esterni, il profilo di Matteo Politano resta caldissimo, se non il favorito nonostante il Sassuolo, come riportano le indiscrezioni di calciomercato Inter, abbia respinto la prima proposta di prestito oneroso a circa 8 milioni più riscatto a 14 – aggiunge ‘Calciomercato.it’ – Ieri il suo agente Davide Lippi ha incontrato la dirigenza nerazzurra nella sede di corso Vittorio Emanuele II: oltre ad aver trovato un accordo per il rinnovo fino al 2019 di Berni, altro suo assistito, si sarà sicuramente discusso del possibile approdo all’Inter del 24enne che lo scorso gennaio è stato a un passo dal Napoli. Politano-Inter è un matrimonio che ha moltissime chance di essere celebrato per due motivi: economicamente, tra ingaggio e cartellino, è più ‘abbordabile’ di Chiesa e Malcom, specie per una società obbligata sempre a non andare oltre i limiti del proprio bilancio; con il club di Squinzi può essere imbastito un affare sulla base di un prestito con obbligo e comprensivo di una se non più contropartite tecniche, vedi Pinamonti, utili a Suning per realizzare quelle plusvalenze che da qui al prossimo 30 giugno (tempo limite entro cui potrebbe andare in porto l’affare) saranno fondamentali per rispettare il settlement agreement concordato con l’Uefa”.