Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Inter-Fiorentina 2-1, Spalletti: “Rigore era netto! Sul battibecco con Keita…”

Inter-Fiorentina 2-1, Spalletti: “Rigore era netto! Sul battibecco con Keita…”

Luciano Spalletti (Getty Images)

INTER FIORENTINA SPALLETTI / L’Inter supera la Fiorentina salendo momentaneamente al terzo posto. Vittoria sofferta per i nerazzurri, la terza però consecutiva, a dimostrazione che la squadra di Spalletti non molla mai: “Siamo riusciti a crescere sotto tanti aspetti, nell’ultimo periodo abbiamo fatto dei risultati importanti che hanno messo a posto un po’ la nostra classifica – ha detto il tecnico dell’Inter ai microfoni di ‘Sky Sport’ – Se c’è stato un battibecco con Keita? Voi siete dei casinisti… La squadra non ce la faceva più a portare avanti la palla e avevamo tutte le punte aperte, per questo volevo che Keita e Politano venissero più dentro il campo per tenere palla. Questo è solo un modo di parlare presi da quella che è la frenesia della partita, non ho rimproverato niente a nessuno. Anche se dentro gli spogliatoi ci mordiamo non fa nulla, ci garba anche morderci tra uomini”.

Inter-Fiorentina 2-1, Spalletti: “Era rigore, non vi inventate niente. Ho la squadra che volevo”

La gara è stata sbloccata da un rigore trasformato da Icardi e concesso – post consulto al Var – per un fallo di mano di Vitor Hugo sul cross di Candreva. La decisione è stata presa malissimo dalla Fiorentina, ma Spalletti non ci sta: “Era rigore, non vi inventate niente. C’è il braccio largo che va a deviare la palla, quindi è calcio di rigore. Ogni volta che succedono episodi non parlo, una volta che me lo danno me lo volete levare? Alla Fiorentina diciamo brava, però abbiamo vinto meritatamente la partita. Il gol lo hanno fatto con un po’ di fortuna anche loro ma giocano un grandissimo calcio. Io poco motivato? Firmando il contratto ho chiesto un certo tipo di squada e adesso posso dire che ce l’ho – ha risposto in conclusione – Quindi si va fino in fondo con la convinzione che questi sono gli uomini che io volevo”.