Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Inter, Icardi smentito: “Mai offerte irrinunciabili”. Spuntano due retroscena

Inter, Icardi smentito: “Mai offerte irrinunciabili”. Spuntano due retroscena

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:30

Calciomercato Inter, Icardi tra futuro e retroscena

Inter Icardi futuro
Mauro Icardi (Getty Images)

Il calciomercato Inter ruota sempre intorno a Icardi, il cui addio è sempre più probabile. Dalle offerte irrinunciabili alla fascia di capitano: i retroscena.

A poche ore dal calcio d’inizio della sfida contro il Cagliari, in casa Inter continua a tenere banco il caso Icardi. Ieri il centravanti argentino ha replicato alle parole di Spalletti e dei dirigenti con una lettera sul suo profilo Instagram che sta facendo discutere molto. CLICCA QUI per le altre news sui nerazzurri. Il suo (presunto) attaccamento ai colori nerazzurri viene smentito a ‘Sky Sport’ dal noto giornalista sportivo Gianluca Di Marzio: “Ci sono stati sondaggi da parte di alcuni club, ma non offerte irrinunciabili per Icardi. Non è mai successo che l’Inter avesse chiuso una trattativa e lui l’abbia rifiutato di andare via. Adesso dovrebbe mettere da parte quello che è successo e ragionare insieme alla squadra, dimostrando di essere ancora vero simbolo dell’Inter. La società ritiene di non dover far nulla più di quanto abbia fatto. Ci sarà un’offerta di rinnovo come promesso da Beppe Marotta, ma ci si aspetta un passo da parte del giocatore”.

Inter, dallo scontro Jovetic-D’Ambrosio alla fascia: i retroscena su Icardi

A proposito della fascia di capitano, emergono altri due retroscena. Il primo lo rivela la giornalista della Rai Claudia Garcia che sul suo account Twitter rivela: “Dalle notizie che mi arrivano, non tutti i giocatori dell’Inter approvano la decisione di togliere la fascia ad Icardi, è questo è clamoroso. La decisione è stata (presa) dalla direzione ed è stata comunicata solo dopo ai giocatori, che non hanno chiesto nulla prima”. Il ‘Corriere della Sera’, invece, ricorda un episodio in cui l’argentino si comportò da leader nello spogliatoio: “Fu lui, due estati fa, a prendere per il collo Jovetic per difendere D’Ambrosio dopo uno scontro tra i due in allenamento”.