De Vrij e la differenza con Hakimi-Lukaku: l’analisi

0
74

L’eventuale cessione di Stefan de Vrij la prossima estate avrebbe qualche differenza sostanziale rispetto a quelle operate per Hakimi e Lukaku

Inter
Stefan de Vrij (Getty Images)

Stefan de Vrij è al momento uno dei più solidi difensori dell’intero campionato di Serie A assieme al suo compagno di reparto Milan Skriniar. Il calciatore ha però raggiunto le 30 primavere, così l’Inter potrebbe pensare ad un suo sacrificio per fare cassa già dal prossimo giugno 2022 ed inizializzare altre strategie. Non un’operazione particolarmente remunerativa sul vasto mercato internazionale, considerato che la maggior parte dei top club al momento preferisce investire in calciatori più giovani e promettenti. Per il difensore, quindi, non molti sarebbero disposti a superare cifre che si aggirano intorno ai 25 milioni di euro, con lo scarto di qualche milione in più o in meno. Il guadagno non avrebbe certo lo stesso sapore di quello ottenuto dalle cessioni di Lukaku al Chelsea ed Hakimi al PSG, ma si tratterebbe comunque di una grande plusvalenza per l’Inter avendo reclutato l’olandese a parametro zero dalla Lazio qualche anno prima.

LEGGI ANCHE >>> Nuovo stadio, Inter e Milan attendono: i tre dilemmi di Sala

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, rispunta Bayindir: le ultime dalla Turchia

Calciomercato, rinnovo di de Vrij in stallo con l’Inter

Inter
de Vrij (Getty Images)

Allo stato attuale la posizione di de Vrij all’interno dei progetti dell’Inter appare piuttosto salda ma l’allungarsi dei tempi sulla discussione del rinnovo contrattuale inizia a far destare qualche sospetto che il calciatore possa presto lasciare i nerazzurri. Come già anticipato, l’Inter preferirebbe fare cassa ma il rischio che possa diventare un parametro zero diventa sempre più concreto. Da porre l’attenzione soprattutto sul Liverpool, che non si lascerà sfuggire l’occasione qualora si presentasse.