Barella: “Stankovic il mio idolo. Amicizia con Brozovic, vi spiego”

0
66

Nicolò Barella direttamente dalla pagina Instagram dell’Inter, parla a 360: dal suo idolo alla musica, passando per Brozovic

Inter
Brozovic e Barella (Getty Images)

Nicolò Barella è già rientrato alla Pinetina dopo gli impegni con la Nazionale di Roberto Mancini. Il centrocampista nerazzurro è già al lavoro per preparare il match di sabato alle 18 in casa della Lazio. Intervenuto in diretta sulla pagina Instagram ufficiale dell’Inter, ha parlato a 360 gradi di sè e dei suoi obiettivi. Da un idolo del Triplete alla musica, passando per Brozovic.

Il rapporto con Brozo è nato in maniera naturale, siamo due persone dirette e vere. Ci piace stare insieme e scherzare. Non mi lascia proprio in pace. Bare dove sei? Sono qua, rispondo sempre”. Dopo la perla siglata in Nazionale, Barella ha messo in cima alla lista dei preferiti un gol con la maglia dell’Inter: “Il gol più bello? Penso a quello in Coppa Italia contro la Fiorentina, perchè è stato difficile coordinarmi”. Da sottolineare anche quello contro l’Hellas Verona alla prima stagione nerazzurra con un tiro a giro dai 25 metri.

LEGGI ANCHE >>> Ranieri punta un giocatore dell’Inter: secco no dalla società

Barella e il ‘modello’ Stankovic: “Uno dei miei idoli. Vorrei fare bene all’Inter proprio come ha fatto Dejan”

Nicolò Barella (Getty Images)

Una leggenda del 2010 da emulare, un eroe del Triplete da cui prendere ispirazione e fare bene come lui. Barella ha individuato in Dejan Stankovic l’idolo nerazzurro: “Uno dei miei idoli era Dejan Stankovic. Mi è sempre piaciuto come giocatore, ho sempre cercato di captare il meglio da lui. Vorrei fare bene all’Inter proprio come ha fatto Dejan”. 

Infine, un passaggio su musica e numero di maglia: “Ascolto un pò di rap, soprattutto italiano. Sono papà di tre bimbe, quindi anche canzoni per bambini. Ho sempre avuto il numero 18 sulle spalle, ma quando arrivai all’Inter c’era Asamoah, ed allora ho ripiegato sul numero 23 di LeBron James, idolo NBA”. 

Giovanni Parisio