Romano di nascita, olandese di formazione: Scamacca l’Ibra italiano scelto dall’Inter

0
1224

Fari puntati su Gianluca Scamacca. È lui il prescelto per l’attacco dell’Inter in vista della prossima estate. Da ‘testa calda’ a speranza azzurra 

Romano di nascita, ‘olandese‘ di crescita calcistica ed emiliano per ciò che concerne l’exploit più recente. La storia di Gianluca Scamacca parte da lontano attraverso la scuola calcio Delle Vittorie, per poi passare nelle giovanili della Cisco Roma ed in seguito ai vivai prima della Lazio e poi della Roma.

Un inizio quindi bello articolato per il centravanti classe 1999 nato come ‘testa calda’ da far maturare ed ora arrivato ad essere certezza del Sassuolo, speranza per l’Italia in vista dei playoff Mondiali e grande obiettivo prescelto dell’Inter del futuro.

Gianluca Scamacca ©LaPresse

Agli albori infatti Scamacca mostra ben presto sia il genio che la sregolatezza, passando dalla Roma, nel gennaio 2015, al PSV con una scelta particolare ed anche coraggiosa a livello formativo fino al rientro firmato Sassuolo del 2017. Tanta la gavetta, e i bocconi amari da ingoiare prima della grande chance in prestito al Genoa sfruttata alla grande, e che gli vale i primi interessamenti delle big e la grande conferma al Sassuolo.

Calciomercato Inter, la stella del futuro ha un nome e un cognome: Gianluca Scamacca

Gianluca Scamacca ©LaPresse

Il resto è storia recente di un attaccante strutturato alla grande dall’alto dei suoi 195 cm: possente ma anche elegante, forte ma anche preciso e soprattutto con ancora ampi margini di miglioramento. L’Inter lo ha scelto per raccogliere il posto in attacco del più esperto Edin Dzeko, e a suon di gol Scamacca sta meritando le giuste attenzioni che risiedono su di lui in questo senso.

Un po’ Ibrahimovic, un po’ Balotelli, Scamacca però vuole essere solo se stesso, scrivendo una storia diversa, unica, la sua. L’Inter lo vuole e monitora una crescita evidente di un centravanti modernissimo, strutturato e forte fisicamente ma anche molto tecnico e che ha nella forza e nella precisione del proprio calcio la sua arma migliore. Con qualche gol in più nel motore, fattore su cui sta evidentemente lavorando, Scamacca non può che essere l’uomo giusto per il futuro di Inzaghi.