Anche de Vrij in calo di rendimento, l’Inter ripensa alle offerte di mercato

0
361

Calo di rendimento anche per de Vrij dopo Lautaro, l’Inter non esclude la possibilità di una cessione nel corso della prossima sessione di mercato

Il difensore centrale Stefan de Vrij era stato prelevato dalla Lazio con la convinzione che potesse rivelarsi uno degli elementi cardine non soltanto del reparto arretrato ma dell’intera rosa nerazzurra. E così è stato. Quantomeno finché sulla panchina dell’Inter non è arrivato Inzaghi, grazie al quale – ironia della sorte – de Vrij è stato slanciato per essere tra i migliori del campionato.

Inzaghi con de Vrij e Dzeko ©LaPresse

Dire che l’avvento del tecnico piacentino abbia condizionato in negativo le prestazioni del difensore, tuttavia, è un tantino azzardato. I fattori che potrebbero causare il calo di rendimento di un calciatore nel corso di una stagione sono molteplici, primi fra tutti la condizione fisica e mentale. La prima, nel caso di de Vrij, è stata bene o male mantenuta. La seconda, probabilmente, ha lasciato un po’ a desiderare. È mancata la giusta dose di concentrazione. Soprattutto nel corso delle gare che contano, quelle gare che hanno un peso quantificabile non soltanto in termini di punti in classifica ma anche per il morale della squadra. Vedi l’errore di lettura sullo slancio di Immobile nella sconfitta contro la Lazio, la svista su McKennie in Supercoppa contro la Juventus e l’ingenuità in fase di copertura su Giroud nel derby. Ma non è per gli errori o un calo di rendimento che l’Inter ha deciso di sondare il terreno per la cessione del calciatore. La motivazione ha più carattere di rinnovamento.

Calciomercato, Inter sonda le offerte per de Vrij

Simone Inzaghi si complimenta con de Vrij e Skriniar ©Getty Images

La cessione di de Vrij è, per il momento, soltanto un’idea che ha delle basi sulla carta ma nulla di concreto nella pratica. L’Inter la considera un’eventualità. In pole resta il Tottenham di Conte che è alla ricerca di un difensore di spessore e si potrebbe trattare nel range di 25-30 milioni di euro. Una discreta plusvalenza nelle casse nerazzurre che, come ben noto, compenserebbe la spesa di un Bremer estremamente vicino.