A Bergamo l’alter ego di Calhanoglu | Ritorno di fiamma Inter?

0
571

Con un super gol stava per regalare un successo pesantissimo contro la Juventus. Un anno fa era un’idea di Ausilio per il post Eriksen

Stava per regalare una vittoria pesantissima all’Atalanta, poi il pari di Danilo allo scadere ha rovinato tutto. Ma non c’è dubbio sul fatto che ieri Ruslan Malinovskyi abbia dato nuovamente prova delle sue enormi qualità tecniche e fisiche, segnando un gol (il settimo in stagione) incredibile alla Juventus poco dopo il suo ingresso in campo. Di meritare – a nostro avviso – un grande club, con tutto il rispetto che si deve all’Atalanta stessa.

Ruslan Malinovskyi ©LaPresse

Forse l’ucraino è un po’ sottovalutato, sottovalutato anche dallo stesso Gasperini col quale il feeling sembra esserci a fasi alterne. Non più giovanissimo, a maggio compierà 29 anni, Malinosvskyi è uno di quelli che piace molto alla dirigenza interista.

Nel gennaio di un anno fa, come raccontato da Interlive.it, era più di una idea di Ausilio e soci in caso di cessione di Eriksen, in quel periodo ancora fuori dai piani di Conte. Malinosvskyi idem, scontento per il discontinuo impiego e in procinto di partire. Poi è rimasto a Bergamo, come Eriksen è rimasto a Milano.

Non si può escludere che l’Inter possa tornare a farci più di un pensiero, del resto in estate il centrocampo interista subirà per forza di cose dei mutamenti e il classe ’93 ex Genk sarebbe l’ideale alter ego di Calhanoglu.

Da non dimenticare che i rapporti con l’Atalanta sono eccellenti, come confermato dall’affare Gosens, anche se la società della famiglia Percassi parte – come spesso succede per i suoi ‘gioielli’ – da una valutazione di circa 25 milioni di euro. Non una cifra bassa considerato che non sarebbe un titolare fisso e che il budget per il mercato estivo non sarà rilevante.