I conti non tornano: 120 milioni di euro

0
1305

Alcune cose non vanno per il verso giusto. Ecco il bilancio fatto registrare dall’Inter negli ultimi tempi

Reduce dall’aver piazzato qualche importante cessione durante questi ultimi anni, i conti dell’Inter non tornano ugualmente ed ora, Zhang e soci, hanno l’obbligo di dover dare una svolta.

I conti non tornano: 120 milioni di euro
Beppe Marotta, Steven Zhang e Alessandro Antonello ©LaPresse

Bisogna tornare a poco meno di un anno fa quando infatti, Marotta e soci, misero in atto la doppia cessione riguardante dapprima Hakimi e poi Lukaku (ceduti rispettivamente e complessivamente ad un totale di 175 milioni più 12 di bonus). Nonostante quindi: il taglio posto sugli ingaggi, l’aumento delle sponsorizzazioni ed il ritorno del pubblico allo stadio, l’Inter, non è comunque riuscita a chiudere in attivo nè lo scorso anno e – praticamente – neppure quest’anno. Da qui, i numeri del passivo fatto registrare dai nerazzurri.

Inter, il bilancio fatto registrare dai nerazzurri durante questi ultimi anni: passivo da 120 milioni di euro

Inter, il bilancio fatto registrare dai nerazzurri durante questi ultimi anni: passivo da 120 milioni di euro
Beppe Marotta e Steven Zhang ©LaPresse

Difatti, non è più un mistero il fatto che, l’Inter, aveva chiuso l’annata 2020-21 a meno di 245,6 milioni di euro e – stando anche a quanto riportato da ‘Il Corriere dello Sport’ – gli stessi nerazzurri, faranno registrare – quasi certamente – un passivo superiore ai 120 milioni. Tutto dipenderà dalle cessioni che Marotta e soci decideranno di mettere in atto durante la prossima stagione (a partire da quella di Milan Skriniar) ma nonostante ciò, l’intera dirigenza della ‘Beneamata’, è stata ance in grado di farsi riconoscere per via delle numerose sponsorizzazioni. Non possiamo far altro che riferirci quindi a: Socios.com, DigitalBits Lenovo (i quali hanno portato nelle tasche del club altri 25 milioni). In tutto ciò poi – oltre agli accordi con Nike e KONAMI – è arrivato un +15 sui ricavi UEFA; grazie alla conquista degli ottavi di Champions.