Inzaghi: “Il peggio che poteva capitare”. Poi spiega l’esultanza

0
218

Le ultime news Inter registrano le dichiarazioni di Simone Inzaghi dopo la vittoria contro il Torino nell’anticipo di Serie A

L’Inter torna a vincere. Successo di misura sul Torino arrivato al ‘Meazza’ a un minuto dal novantesimo, dopo una partita in cui a giocare meglio erano stati i granata. La speranza è che questa vittoria possa dare la scossa perché martedì c’è già un’altra gara decisiva in Champions League.

Le dichiarazione di Inzaghi dopo Inter-Torino
Simone Inzaghi ©LaPresse

Questa l’analisi della gara da parte di Simone Inzaghi ai microfoni di ‘Dazn’: “Vittoria importantissima voluta da squadra contro un avversario forte e difficile da affrontare. Sapevamo che dovevamo soffrire insieme, la Curva ci è stata sempre vicina, partite così sono molto importanti da vincere. La mia esultanza? Volevo la vittoria, siamo l’Inter e abbiamo l’obbligo di vincere sempre. Due giorni fa abbiamo affrontato la migliore squadra al mondo per intensità, ma vedere oggi che la squadra lotta e combatte tutta insieme è un bel segnale. Siamo stati contratti per il modo di giocare del Torino che ci ha sporcato i passaggi per gli attaccanti giocando in marcatura uomo su uomo e quindi abbiamo giocato tanto col portiere. Alternanza portieri? Quest’anno è arrivato Onana che sapevo fosse forte e vederlo allenare mi ha dato conferme, lui sa che il titolare è Handanovic, poi valuterò volta per volta. Come cambio i giocatori, lo faccio con i portieri: Samir è forte e lo ha dimostrato stasera. I cinque che sono entrati lo hanno fatto nel miglior modo possibile. Le vittorie danno autostima, abbiamo fatto quattro vittorie e due sconfitte: 12 punti, ma dobbiamo migliorare come squadra e come singoli. Lautaro e Dzeko hanno fatto tanto lavoro sporco, sono rimasti sempre nel vivo della partita: con Correa ho preferito non stravolgere il modulo. Il calendario è il peggiore possibile per noi e Napoli: mercoledì, sabato e martedì è il peggio che può capitare. Abbiamo solo un giorno e mezzo per preparare la gara col Viktoria Plzen“.