Calciomercato Inter, contatti avviati per l’addio a costo zero

0
546

I nerazzurri potrebbero perdere uno dei propri pezzi difensivi al termine del suo contratto, c’è già un top club interessato ad intavolare una trattativa 

L’inizio di stagione dell’Inter non è stato brillante per una serie di prestazioni sottotono, maturate con risultati diametralmente opposti alle attese. Quel che più ha lasciato perplessi è la facilità con cui la stessa rocciosa linea difensiva che nelle scorse due annate si è distinta come la migliore, sia invece la peggiore delle prime dieci in classifica in questa stagione (8 reti subite). Segue infatti il Bologna, attualmente dodicesimo.

Stefan de Vrij ©LaPresse

Skriniar sta pian piano carburando, lasciandosi alle spalle le voci di mercato che lo avevano investito nella sessione di mercato estiva, mentre Bastoni ha bisogno di quell’iniezione di fiducia che soltanto gli altri due possono dare. E in tutto questo Stefan de Vrij si avvicina alla scadenza di contratto, fissata per giugno 2023. A quanto pare i suoi giorni in nerazzurro sono pressoché finiti e da parte della dirigenza non c’è alcuna intenzione di trattare di rinnovo, per via di uno stato di forma calante e sempre meno incisivo.

Calciomercato, de Vrij al Barcellona per il post Piqué

Stefan de Vrij ©LaPresse

Ad approfittare del potenziale svincolo del centrale olandese potrebbe essere il Barcellona, rivale dell’Inter nel girone di Champions League. Gli spagnoli avevano sondato il suo profilo già lo scorso aprile, quando stando alle fonti locali avevano intrapreso i primi contatti informali. Questi non si sono poi tradotti in qualcosa di concreto in estate, ma l’aver temporeggiato fino ad ora ha portato i suoi frutti. Da gennaio sarà possibile stringere un pre-accordo, al fine di strapparlo alla rivale a parametro zero in sostituzione del senatore Gerard Piqué che potrebbe lasciare la Catalogna dopo 14 anni e circa 400 presenze da vera leggenda. Ad aver contribuito alla decisione è stato anche il pesante ingaggio del centrale, ormai troppo alto per gli standard del progetto di solidità finanziaria cui la società del Barcellona vuol dedicare le più alte energie in futuro.