Flop totale: con la risoluzione può anche finire all’Inter

0
757

In estate Luka Jovic dopo tanti rumors è finalmente approdato in Serie A ma per indossare la maglia della Fiorentina. In viola l’impatto non è stato dei migliori e senza un cambio di marcia si rischiano riflessioni 

I destini di Fiorentina e Inter, al netto della sfida del Franchi, potrebbero incrociarsi ma in modo indiretto anche in sede di calciomercato. Il fulcro della questione è quel Luka Jovic tanto accostato ed inseguito da diversi club di Serie A nelle scorse sessioni di calciomercato, e alla fine approdato in quel di Firenze nell’ultima estate. Accolto come vero pilastro dell’attacco del presente e del futuro alla corte di italiano, il centravanti serbo ex Real Madrid non ha però ancora mostrato il suo valore.

Flop totale: con la risoluzione può anche finire all'Inter
Marotta © LaPresse

In generale Jovic sembra vivere una parabola discendente che è iniziata proprio col trasferimento ai ‘Blancos’ per circa 60 milioni di euro. Un vero e proprio flop di mercato che poi si è confermato negli anni senza mai riuscire a tornare ai fasti della sua prima avventura a Francoforte. Anche alla Fiorentina numeri e rendimento del serbo proprio non tornano ed anche in questo caso si inizia già a parlare di flop.

Calciomercato Inter, inizio flop per Luka Jovic: il rischio è l’addio a zero

Flop totale: con la risoluzione può anche finire all'Inter
Jovic ©LaPresse

Solamente tre le reti con la Fiorentina fino ad ora delle quali una appena in Serie A arrivata peraltro alla prima giornata. Un digiuno lunghissimo in campionato quello del centravanti serbo che avrebbe dovuto chiaramente dare un apporto ben differente alla causa di Italiano. Si parla già di possibile addio a gennaio per l’ex Real che ha un contratto fino al 2024 con opzione per altri due anni.

In caso di flop e mancata reazione sul campo Ramadani e Commisso potrebbero anche trovare una intesa per la risoluzione. A zero lo stesso agente del serbo potrebbe offrirlo anche all’Inter club a cui fu accostato qualche tempo fa. Ausilio lo stimava ai tempi di Francoforte.