Haaland e il big dell’Inter per Mourinho: Hakimi nell’affare

0
326

Il tecnico potrebbe presto cambiare panchina portando con sé tanti pezzi grossi del calcio europeo, fra cui il norvegese del City e un preziosissimo di Inzaghi

La conquista della passata edizione di Conference League è stato l’ennesimo passo avanti nella carriera di Mourinho sulla panchina della Roma. Per il tecnico portoghese ha anche rappresentato però un inizio: il momento in cui il club giallorosso può prendere consapevolezza delle proprie qualità per ambire ad obiettivi più grandi.

José Mourinho ©LaPresse

La società ha promesso allo ‘Special One’ grandi miglioramenti in futuro, ma il processo è estremamente lento e lontano dalle rapide attese del tecnico. Per questo motivo il rapporto tra le due parti sembra essersi un tantino raffreddato ultimamente, complice anche una serie di prestazioni non degne di una compagine ambiziosa. Ed ecco che il nome di Mourinho ha iniziato a tornare in aria di mercato, al termine della stagione.

Tra i tanti club potenzialmente disposti ad accoglierlo ci sarebbe anche il Paris Saint-Germain, nel caso in cui non dovesse arrivare neppure quest’anno la tanto desiderata Champions League. Il direttore sportivo dei parigini, Luis Campos, è anche suo amico stretto ed oltre a garantirgli un super ingaggio, potrebbe promettergli anche una campagna acquisti di prim’ordine.

Calciomercato, Haaland e Barella possibili obiettivi del PSG del futuro

Nicolò Barella ©LaPresse

Innanzitutto, con la situazione di Mbappé da definire, Mourinho potrebbe chiedere a Campos di operare sullo sfondo Erling Haaland: il bomber norvegese è un punto fisso nella rosa di Guardiola, ma il PSG ha un patrimonio non indifferente al pari di quello del Manchester City per poterlo tediare.

Oltre lui, il secondo in lista potrebbe essere proprio il nerazzurro Nicolò Barella, già nel mirino del PSG nell’ultimo anno. Per poter convincere la dirigenza dell’Inter, i parigini dovrebbero offrire una cifra da capogiro intorno ai 100 milioni (che diventerebbero irrinunciabili) oppure – sconfinando nel fantamercato – proporre uno scambio alla pari includendo qualcuno come Achraf Hakimi, vecchia conoscenza dell’ambiente. Quest’ultimo, tuttavia, è ben ambientato e felice di poter restare ancora a Parigi.