Kessie e 45 milioni: il Barcellona prova a prendersi il big

0
133

Il club blaugrana potrebbe giocarsi la carta dell’invoriano più un cospicuo conguaglio monetario per affacciarsi nuovamente alle porte dell’Inter

S’è detto molto sulla situazione di Franck Kessié da quando è approdato al Barcellona a parametro zero dal Milan nella scorsa sessione estiva di mercato. Lo scarso minutaggio maturato dal centrocampista ivoriano, fino ad allora abituato a calcare i terreni di gioco di Serie A con estrema regolarità per via della grande importanza che rivestiva negli schemi del tecnico rossonero Stefano Pioli, lo ha portato a diventare sempre più marginale nelle gerarchie dell’attuale responsabile Xavi in questa stagione.

Kessié tra Barcellona e Inter
Franck Kessié ©LaPresse

Non che ci siano questioni di carattere tecnico o divergenze personali alla base, ma il rapporto tra i due non è dei migliori. Complice lo stesso malumore che Kessié continua a provare per le mancate occasioni tra campionato de La Liga e Champions League. Con tanto di eliminazione prematura dalla competizione internazionale Nonostante la società abbia fatto presente la volontà di non privarsi di un profilo simile nel corso della stagione regolare, oggi le chance di una sua partenza il prossimo giugno sono nuovamente salite. Salvo sorprese, dunque, il divorzio sarà dato per certo in estate.

La dirigenza blaugrana chiederebbe almeno 15 milioni di euro per il suo cartellino alle dirette interessate, tra cui spicca anche l’Inter. Eppure è molto probabile che l’alternativa di scambio verrà presa in considerazione nel caso in cui i nerazzurri dovessero palesare un interesse rimasto finora piuttosto dormiente.

Calciomercato, Lautaro per Kessié e conguaglio cash

Al Barcellona piace non poco il profilo di Lautaro Martinez, su cui Laporta tentò di mettere le mani già un paio di anni addietro sotto consiglio dell’ex fuoriclasse nonché connazionale Lionel Messi prima che quest’ultimo firmasse per il Paris Saint-Germain. La dirigenza catalana sfrutterebbe dunque il cartellino di Kessié come contropartita tecnica, aggiungendovi un conguaglio monetario da almeno 45 milioni di euro per pareggiare le richieste del club nerazzurro.

Lautaro non lascia l'Inter, opzione Barcellona
Lautaro Martinez ©LaPresse

Premesso che l’Inter non sente il bisogno, almeno per il momento, di un rinforzo del genere a centrocampo perché si tratta di un reparto già piuttosto completo da ritoccare soltanto di poco per la prossima stagione al netto della possibile partenza di Roberto Gagliardini, la dirigenza nerazzurra aprirebbe per Kessié soltanto a mezzo di un’operazione in stile Lukaku. Ovvero, di una cessione in prestito oneroso con la possibilità di rivalutare un prolungamento al termine del contratto, stipulato sulla base del pagamento di una piccola percentuale dell’ingaggio attualmente percepito da 7 milioni di euro netti all’anno.

Come se non bastasse, la polita nerazzurra per le cessioni dei big in squadra è molto chiara. Nessuno è incedibile, ma per Lautaro così come per Skriniar, Dumfries, Bastoni o Barella si cercherebbe di monetizzare per intero con l’obiettivo di fare cosa gradita ai bilanci societari. A patto che si tratti di proposte davvero irrinunciabili. No secco, quindi, ad operazioni di scambio con contropartite anche se questo significasse rifiutare nomi di prestigio come quello di Kessié. Ogni trattativa deve essere funzionale e ben ponderata.