“Provano a prenderlo”: l’annuncio in tv sul grande colpo Inter

0
25

Nessun dubbio: l’ex calciatore è ormai certo di questa cosa è dà dunque rassicurazioni a riguardo. Ecco cosa bolle in pentola dalle parti di Appiano

A distanza di circa un mese e mezzo dall’ultima volta, riparte ufficialmente la Serie A e lo fa immediatamente con una partita di cartello. Sì, da un lato troveremo infatti i padroni di casa dell’Inter, al momento posizionati al quarto posto assieme alla Lazio, mentre dall’altra parte ci sarà direttamente l’attuale capolista del nostro campionato: il Napoli.

Cauet dice la sua su Thuram: 'L'Inter proverà a prenderlo"
Simone Inzaghi ©LaPresse

Quale delle due squadre avrà maggior pressione? Ce lo siamo chiesti anche noi…E dopo un’attenta serie di riflessioni, siamo giunti ad una sola ed unica conclusione: dove a non poter permettersi più di sbagliare è proprio la squadra di Simone Inzaghi. I nerazzurri hanno, non a caso, collezionato fino a questo momento già 5 sconfitte in campionato, a differenza del Napoli che ha ottenuto 13 vittorie e 2 soli pareggi. In tal senso dunque, seppure ai ‘partenopei’ possa soddisfare, anche in parte, un risultato come quello del pareggio tra le mura del ‘Meazza’, lo stesso non si può dire della ‘Beneamata’.

Se l’Inter vuole infatti tornare a credere, quantomeno, nel treno scudetto, gli stessi nerazzurri sono obbligati a dover tentare di fare la partita, provando solamente in seguito a portare a casa i 3 punti. E’ vero: non sarà sicuramente facile, ma dal canto proprio, il tecnico piacentino vanta comunque grandissimi giocatori di spessore a propria disposizione. Sì, occorrerà sicuramente qualche altro rinforzo in vista dei prossimi mesi, al punto stesso che Marotta e Ausilio sono già al lavoro per provare a delineare il tutto.

Musah, Scalvini e non solo: Zanetti e i suoi provano a ridisegnare l’Inter del futuro. Tutti i loro osservati speciali

C’è un solo anno di differenza tra Yunus Musah, giovane e talentuoso centrocampista classe ’02 del Valencia – decisamente in grande spolvero anche in quel del Mondiale tra l’altro – e Giorgio Scalvini, forte e prorompente difensore del 2003 dell’Atalanta di Gian Piero Gasperini.

Scalvini resta un reale e concreto obiettivo dell'Inter
Giorgio Scalvini ©LaPresse

Cosa hanno invece in comune i due? E’ semplice da intuire: entrambi sono diventati oggetto di desiderio dell’Inter di Simone Inzaghi. I nerazzurri sono, non a caso, alla ricerca di nuovi innesti per il futuro, che li consentano dunque non soltanto di avere garanzie per il presente ma anche per obiettivi di lunga durata. Musah vanta infatti già 13 presenze stagionali condite da 2 assist. Discorso simile anche per il centrale ‘made in Italy’ che ha già collezionato 11 presenze complessive ed 1 rete.

Qual è ora l’altro osservato speciale dei nerazzurri? Chi se non Marcus Thuram? Il centravanti francese piace infatti ormai da tempo all’intera dirigenza della ‘Beneamata’ che punta proprio a tesserarlo a zero in vista di giugno (visto il suo contratto in scadenza assieme al Borussia M’Gladbach). La linea è ormai stata tracciata e a dire il tutto ci ha poi pensato una persona in particolare.

Cauet a Tv Play: “Thuram vera e propria opportunità per l’Inter. Sono certo che proveranno a prenderlo”

Direttamente a ‘Calciomercato.it‘ in onda su Tv Play, l’ex centrocampista dell’Inter Benoit Cauet ha immediatamente parlato a proposito del big match di questa sera contro il Napoli, soffermandosi poi anche su un altro tema in particolare, quale quello di Thuram.

Cauet dice come stanno le cose per Thuram: "L'Inter proverà a prenderlo"
Marcus Thuram ©LaPresse

“E’ un calciatore che ha moltissime richieste. Sono dell’idea che dovrebbe avere la certezza di poter giocare. Secondo il mio modo di vedere, prima dell’infortunio dello scorso anno, aveva un rendimento molto più alto di quello attuale. Ok, è rientrato fra i 26 convocati per il Mondiale, ma certamente non era una prima scelta. Ha grande forza fisica, e se l’Inter sta seguendo il giocatore è semplicemente per via del fatto che rappresenta una vera e propria opportunità in scadenza di contratto. I nerazzurri ci credono moltissimo: si sono portati avanti e proveranno a portarlo a casa. Il match col Napoli? I ‘partenopei’ hanno un loro punto di forza, vale a dire  il proprio gioco. Se l’Inter è intenzionata a fermarli ha bisogno di metterci molta più cattiveria per riagganciarli in campionato”.