Skriniar insegna, l’Inter accelera per la tripla firma

0
5

ffulatoErrare è umano, perseverare sarebbe da fessi. Ecco perché l’Inter non vuole assolutamente trovarsi di fronte ad altri casi Skriniar; si pensa dunque a una tripla firma anticipata

La dirigenza interista accelera per i rinnovi di Alessandro Bastoni (che è in scadenza nel giugno 2024), di Hakan Calhanoglu (anche lui con contratto fino al 2024) ed Edin Dzeko, che scade quest’estate.

Evitare altri casi Skriniar
Skriniar – interlive.it

Nel contratto del turco c’è già un’opzione per il prolungamento unilaterale, quindi l’Inter è piuttosto tranquilla sulla sua situazione. Per Bastoni la trattativa è un po’ più complicata, dato che il ragazzo chiede un adeguamento e ha molti club interessati pronti a subentrare. Tuttavia l’Inter gode di buoni rapporti sia col giocatore che con l’agente. In più sono stati avviati i primi contatti e pare ci sia la volontà da entrambe le parti di continuare assieme.

Per Darmian, che ha da poco rinnovato, la trattativa è filata liscia. E l’agente è sempre lo stesso: Tinti, che è anche colui che cura gli interessi di Inzaghi. Con Darmian, l’accordo è stato trovato in fretta: è bastato un incontro. Dopotutto Matteo Darmian voleva restare e l’Inter voleva conservarlo in rosa. Quindi, senza alcun tipo di problema, si è deciso di andare avanti andare avanti insieme oltre questa stagione. Il club nerazzurro rinnoverà presto il contratto del difensore classe ’89 per la prossima stagione con opzione per quella successiva. La tripla firma richiesta per gli altri giocatori richiederà però più tempo ed energie per l’Inter. Bisognerà contrattare.

Tripla firma: l’Inter corre ai ripari

Su Dzeko in particolare i tempi stringono. Il bosniaco scade a giugno e ha già delle offerte concrete dalla Turchia. Marotta ha già fatto capire di voler tenere il Cigno a Milano, tuttavia dimezzandogli l’ingaggio e proponendogli un uno più uno. Il Galatasaray ha già offerto un contratto da 4 milioni netti a stagione, quindi una cifra molto vicina ai 5 attualmente percepiti dall’attaccante. Marotta ne offre invece 2,5. E poi ci sono gli arabi, pronti a ricoprire il bosniaco d’oro.

Rinnovo anticipato Bastoni
Bastoni – interlive.it

Ovviamente Dzeko punta a sentirsi ancora importante: pur volendo rimanere all’Inter chiede due anni di contratto e almeno 3,5 milioni di ingaggio. Una spesa troppo alta per l’Inter che vuole ridurre il monte ingaggi.

Dopo aver risolto le situazioni di Dzeko, Bastoni e Calhanoglu, nelle prossime settimane si valuteranno anche i rinnovi di Mkhitaryan e D’Ambrosio. Ci sarà poi da ragionare sui prestiti di Lukaku e Acerbi in vista della prossima stagione.

Skrianiar può partire

Nell’ultima settimana di mercato, la vera priorità dell’Inter non sarà comunque legata ai rinnovi. Marotta vuole infatti provare a vendere Milan Skriniar. L’ad intende piazzarlo proprio al PSG, con cui lo slovacco ha ormai un accordo a partire dalla prossima stagione. In questo modo l’Inter potrebbe incassare una quindicina di milioni.

Saluti subito per Skriniar
Milan Skriniar – interlive.it

Con quei soldi si dovrebbe però prendere subito un altro calciatore. Ne abbiamo parlato diffusamente in questo articolo. E poi si dovrebbe mettere qualcosina nelle casse, sempre nell’ottica di sanare il buco da 60 milioni come richiesto dal presidente Zhang per la sessione 2022-23.

Skriniar a mezzo servizio o con la testa altrove non servirebbe a nessuno. Per questa ragione nelle ultime ore aumentano le possibilità di un affare last-minute, per monetizzare. Magari se l’agente dello slovacco, Roberto Sistici, non avesse parlato proprio nella serata in cui il Meazza aveva accolto il difensore con applausi, Skriniar sarebbe potuto rimanere fino a giugno, come richiesto da Inzaghi. Ma ormai sembra che sia impossibile portare avanti il rapporto. Il matrimonio è finito, e andando avanti, come si suol dire, si rischia solo di risolverla a pesci in faccia.