Altro che Inter, entro il weekend il sì alla Juventus

Entro il weekend l’ex obiettivo dell’Inter potrebbe dire di sì alla Juventus: lo stato della trattativa per il forte centrocampista

Sembra quasi fatta per Franck Kessié alla Juventus: a quanto pare, mancherebbe solo il sì del giocatore, che spera ancora di potersi ritagliare uno spazio importante nel Barcellona. La trattativa per l’ex centrocampista di Atalanta e Milan, a lungo cercato dall’Inter, potrebbe concludersi in senso positivo nel weekend: la Juventus è fiduciosa.

Inzaghi, l'obiettivo vicino alla Juve
Simone Inzaghi (LaPresse) – interlive.it

Giuntoli spera nel sì dell’ivoriano, consapevole che l’ex Milan è considerato un esubero in Catalogna. Dopo un solo anno in Spagna, Kessié deve decidere cosa fare. Xavi non lo considera un titolare e non vuole presenze ingombranti o insofferenti in spogliatoio fra le seconde linee per la prossima stagione. Ma il caro Kessié non è ancora del tutto sicuro di voler lasciare i blaugrana. Si illude ancora di potersi conquistare la titolarità. Nelle prossime ore, dopo un confronto con Xavi e i dirigenti, potrebbe però aprire all’addio.

i bianconeri stanno dunque provando a sfruttare l’occasione. Dagli USA, dove ha accompagnato la squadra in tournée, Cristiano Giuntoli sta discutendo con il procuratore del centrocampista e spera di poter chiudere il prima possibile. Il sì dell’ivoriano potrebbe anche arrivare entro il weekend, quando il ds tornerà in Italia: giovedì la Juventus e il Barcellona si troveranno a Los Angeles e l’ex dirigente del Napoli cercherà di parlare direttamente con Kessié.

Sì alla Juventus entro il weekend: il piano di Giuntoli per prendere Kessié

Pare dunque che ci sia ottimismo per il buon esito della trattativa. Si parla di un prestito con diritto di riscatto, con possibilità di evoluzione in obbligo al raggiungimento di determinate condizioni, tipo la classificazione in Champions. Il prezzo complessivo dovrebbe essere di 15 milioni più bonus. O qualcosina in meno.

Kessié verso la Juventus
Franck Kessié con la maglia del Barcellona (LaPresse) – interlive.it

L’Inter aveva ragionato per mesi di un possibile scambio alla pari fra Brozovic e l’ex Milan. Ma alla fine, il croato è andato in Arabia, dato che il Barcellona ha preferito prendere in considerazione offerte senza controproposte.

Fossero queste le cifre, per la Juventus sarebbe un vero affare. Ciò che preoccupa è l’ingaggio dell’ivoriano, che vuole 6 milioni a stagione. Un affare. Il Barça preme affinché Kessié accetti la Juve. Avendo acquistato Kessié da svincolato, pure 15 milioni porterebbero a una buona plusvalenza. Inoltre alletta la prospettiva di abbassare di sei milioni il monte ingaggi.

Kessié, il centrocampista fisico richiesto da Inzaghi

Simone Inzaghi avrebbe gradito parecchio l’arrivo di Kessié: il centrocampista fisico che ancora manca nel team nerazzurro. Difficile quindi pensare che il tecnico possa dare qualche possibilità a Stefano Sensi. L’obiettivo della dirigenza è ancora quello di trovare un calciatore in grado di sostituire per caratteristiche Roberto Gagliardini.

Allegro punta a Kessié
Max Allegri (LaPresse) – interlive.it

L’Inter continua però a mostrare interesse per Samardzic, che non è propriamente un gigante. In tal caso, a fare la differenza è la qualità. Il giovane serbo è uno dei talenti più interessanti della Serie A. E su questo non ci piove. Samardzic ha un bel tiro e intelligenza calcistica. Anche atleticamente non è male: è dotato di buona forza e di corsa. Ha però bisogno di confermarsi ad alti livelli e di imparare a essere più collegato alla squadra, anche in difesa.

Andrebbe dunque ben rodoto e riconvertito in mezzala nel 3-5-2, un ruolo che non gli appartiene al 100%. Ma per l’Inter potrebbe essere utile uno che sa tirare da fermo e sa saltare l’uomo, è indubbio.

Ora l’Udinese chiede più di 20 milioni. L’Inter potrebbe prenderlo in prestito con obbligo di riscatto, abbassando il costo con delle contropartite. Ai friulani non dispiacciono Stefano Sensi, Sebastiano Esposito e Giovanni Fabbian. Su quest’ultimo, però, i nerazzurri vorrebbero mantenere il controllo totale o parziale del cartellino. Si può fare a 15 più Fabbian? Questa è la formula a cui punta l’Inter

Impostazioni privacy