Simeone subito all’Inter: annuncio esplosivo in tv

Il Cholito Simeone torna a essere accostato all’Inter: trattare con De Laurentiis non è facile, e non è detto che il ragazzo sia interessato

All’Inter, alla luce del perfettibile rendimento in zona offensiva da parte dei “vecchietti” Arnautovic e Sanchez, potrebbe essere molto utile un nuovo attaccante. E questo è un dato di fatto. Un altro fatto è che, senza soldi da poter investire, è assai difficile che possa arrivare un secondo acquisto dopo quello di Buchanan. Stando però a quanto riporta RaiSport, i nerazzurri potrebbero provare a informarsi sulla situazione di Giovanni Simeone del Napoli. L’Inter ha già seguito il figlio d’arte in passato. C’era stato un avvicinamento quando il ragazzo giocava nella Fiorentina…

Giovanni Simeone piace all'Inter
Giovanni Simeone (LaPresse) – interlive.it

Di sicuro, il Cholito avrebbe apprezzato la possibilità di poter giocare con la stessa maglia indossata da suo padre. Ciononostante, in tutti questi anni, non è mai stato fatto un tentativo concreto per prenderlo.

Secondo RaiSport, al momento, il Cholito non sarebbe affatto soddisfatto del suo impiego nel Napoli e potrebbe dunque spingere per partire già nella sessione invernale. I nerazzurri, in questo senso, potrebbero essere pronti a provarci proponendo a De Laurentiis un prestito con diritto di riscatto.

La ricostruzione pone un presupposto fondamentale: l’addio di Alexis Sanchez. Sappiamo però che il Niño, nonostante i sondaggi dall’Arabia Saudita e i “consigli” di Vidal, non è interessato all’ipotesi di lasciare subito il club nerazzurro.

Simeone all’Inter: ipotesi recondita

Eppure RaiSport ha lanciato la suggestione secondo cui, nelle ultime ore, il club di Viale della Liberazione possa essere tornato a valutare l’idea di prendere Giovanni Simeone. L’affare non suona così verosimile, in realtà…

Arnautovic meglio di Simeone
Arnautovic (LaPresse) – interlive.it

Il Cholito è un centravanti bravo in area da rigore e in grado di rendere anche in zona Cesarini: sa segnare pure se sfruttato pochi minuti. Sa giocare da opportunista e in contropiede, sfruttando la sua buona velocità in contropiede e le doti in progressione. Detto ciò, non abbiamo a che fare con un campione. Né con una giovane promessa.

Il ragazzo è a Napoli dall’estate 2022. De Laurentiis lo prese in prestito per 3,5 milioni di euro con diritto di riscatto fissato a 12 milioni. L’anno prima, all’Hellas Verona, aveva segnato 17 reti: il suo record in Serie A. Con gli azzurri, giocando come riserva di Osimhen o all’occorrenza come attaccante esterno, ha segnato 4 reti in tutto campionato. Reti fondamentali per lo Scudetto.

Difficilmente De Laurentiis lo lascerebbe uscire a meno di 20 milioni. Ed è anche complicato che possa aprire a un prestito. Un prezzo del genere non convincerebbe mai l’Inter. Va anche detto che il ragazzo ha ormai ventotto anni e non è mai esploso definitivamente.

Perché puntare ancora su Arnautovic

Avrebbe senso per l’Inter investire in un giocatore così? E siamo certi che Marko Arnautovic sia tanto peggio del Cholito? L’austriaco sta attraversando una fase complicata dal punto di vista psicologico. Prima l’infortunio, poi gli errori sotto porta… Ma tecnicamente Arnautovic non è male come riserva. Deve recuperare sicurezza e imparare a sfruttare meglio il tempo che ha disposizione, senza pretese di titolarità.

Puntare ancora su Arnautovic
Arnautovic (LaPresse) – interlive.it

Per caratteristiche fisiche e tecniche, Arnautovic è un giocatore idealmente importante per Inzaghi. Può giocare sia in coppia con Thuram che con Lukaku. Può giocare di sponda e far allungare la squadra, inventare la giocata e garantire peso e centimetri in avanti…

Anche Arnautovic potrebbe segnare quei tre o quattro goal a stagione dal peso specifico importante. Proprio come il Cholito lo scorso anno. Il giovane Simeone, evidentemente, non vuol più fare la riserva. Ma anche all’Inter verrebbe per entrare pochi minuti nel secondo tempo…

A Napoli il ragazzo è apprezzato per il suo impegno. E infatti nelle ultime uscite Walter Mazzarri è stato criticato proprio per non averlo sfruttato abbastanza. Nelle prossime gare, visto lo scarso rendimento di Raspadori e l’assenza di Osimhen, il giovane argentino potrebbe trovare più spazio e così riconciliarsi con la maglia azzurra. A Napoli la situazione non è tranquillissima… Ma Simeone non finirà all’Inter, questo possiamo darlo per sicuro.

Impostazioni privacy