Colpo di scena sul mercato: dalla Juve all’Inter, affare last minute

La sfida di mercato fra Inter e Juve vede per ora in vantaggio i bianconeri, ma Marotta potrebbe puntare al colpaccio last minute

Cristiano Giuntoli è riuscito a soffiare ai dirigenti nerazzurri Tiago Djaló, che pareva un acquisto già messo in cassaforte per la prossima stagione. Ecco perché la Juve è al momento in vantaggio derby d’Italia che si gioca sul mercato. Una lotta complicata, giocata da società che hanno poco o niente da investire e diversi buchi da sanare in rosa.

Colpo last minute per Marotta
Beppe Marotta (LaPresse) – interlive.it

All’Inter servirebbe una punta. Anche alla Juve, dove di base si cerca un mediano, potrebbe far comodo un centravanti, dato che Kean sembra intenzionato a giocare altrove. L’obiettivo comune dei due club potrebbe essere Muriel.

Il colombiano è in scadenza con l’Atalanta ed è destinato a liberarsi a zero a giugno. Non è però escluso che possa uscire subito. Gasperini, almeno apparentemente, continua ad apprezzare Muriel e non vorrebbe farne a meno.

A Bergamo si punta tuttavia anche su El Bilal Touré. Se il ventiduenne maliano dovesse dimostrare affidabilità dal punto di vista fisico potrebbe anche chiudere ogni spazio residuo al colombiano, che a quel punto potrebbe richiedere esplicitamente la cessione immediata.

Colpo last minute in attacco: battaglia Inter-Juve per Muriel

Per questo motivo Luis Muriel potrebbe sembrare a oggi un attaccante disponibile sul mercato. E il suo nome piace appunto a Inter e Juve, e non solo. Anche la Lazio di Sarri potrebbe essere interessata.

Inter e Juve su Muriel
Muriel (LaPresse) – interlive.it

Resta il fatto che a decidere sulle uscite sarà Gasperini, il quale potrebbe anche impuntarsi e decidere di trattenere il colombiano fino alla scadenza naturale del contratto. In questo senso c’è chi esclude che il colpo last minute in attacco per Inter e Juve possa avere a che fare con Muriel.

Sull’attaccante, l’Inter continua a ribadire la linea nota: così com’è, con Sanchez e Arnautovic, la rosa è completa… anche se nelle ultime interviste Inzaghi è parso meno categorico del solito.

L’idea di poter prendere un attaccante nelle fasi finali del mercato non suona così plausibile, eppure non è stata mai rinnegata ufficialmente. Il problema principale è che non sembra esserci molto margine dal punto di vista economico. Bisognerà insomma andare avanti col materiale a disposizione. E cioè con Arnautovic e Sanchez.

Muriel a zero l’anno prossimo?

Luis Muriel vorrebbe cambiare aria. Non a giugno ma subito. E il suo profilo ha sempre stuzzicato Piero Ausilio. Dato il suo contratto in scadenza, potrebbe essere pure ceduto per un costo estremamente contenuto.

Muriel al posto di Sanchez
Alexis Sanchez (LaPresse) – interlive.it

Questo dato potrebbe sì ingolosire il club nerazzurro e quello bianconero, ma solo fino a un certo punto. Sì, è evidente: di meglio, sul mercato dei possibili colpi last-minute e low-cost, al momento non c’è… nessun altro attaccante dalla valutazione sotto i 2 milioni ha la classe, l’esperienza e la familiarità con la Serie A che ha Muriel. Eppure il colombiano non assomiglia più a un profilo davvero interessante: atleticamente non convince.

Inoltre, i nerazzurri sono però ancora vincolati a Sanchez, e senza la sua uscita la dirigenza non potrebbe nemmeno lasciarsi tentare dalla voglia di cercare un altro centravanti. La cessione di Sensi e la vittoria della Supercoppa italiana hanno di fatto ripagato l’investimento fatto per Buchanan e non potrebbero consentire un’altra spesa.

La prospettiva più probabile è che l’Inter chiuda così la sua stagione. Muriel, in quest’ottica, potrebbe essere preso soltanto a zero per la prossima annata. Ma a che pro? Converrebbe davvero sostituire Alexis Sanchez con un altro ultratrentenne poco brillante dal punto di vista fisico?

In finale di Supercoppa italiana Sanchez e Arnautovic sono entrati abbastanza bene: hanno fatto il loro. Non abbastanza però per poter offrire a Inzaghi alternative affidabili per far riposare Lautaro e Thuram in campionato contro la Fiorentina. E qui casca l’asino.

Impostazioni privacy