Inter > Inter News > Cska-Inter, tra assenze ed infortuni si va verso il 4-4-2

Cska-Inter, tra assenze ed infortuni si va verso il 4-4-2

Claudio Ranieri - Getty Images

CSKA-INTER RANIERI VERSO 4-4-2 / MOSCA (Russia) – Quasi quattro ore di volo, un ritardo di 40′ per l’atterraggio e circa 20° in meno rispetto alle temperature lasciate in Italia. Il volo AZ 8052 porta l’Inter alla volta di Mosca, per quella che risulta essere una gara dura per i nerazzurri. Claudio Ranieri sa già che non sarà una passeggiata, soprattutto alla luce degli infortuni e delle assenze tra i nerazzurri: fuori causa Sneijder per un problema all’adduttore, che solo dopo le visite mediche accurate, potrà conoscere l’entità del suo infortunio; Stankovic e Maicon, per i quali è stato scelto di non rischiarli data la temperatura gelida di Mosca; Thiago Motta, che potrbbe essere recuperato dopo la sosta, così come Poli; Muntari, Forlan e Castaignos, non inseriti nella lista Champions. Unica nota lieta per Ranieri sembra essere il recupero di Joel Obi. Il tecnico romano, date le assenze, secondo quanto riportato da ‘La Gazzetta dello Sport’, non avrebbe ancora sciolto gli ultimi dubbi riguardo la formazione anti Cska. Stando alla rosea, sarebbero due le ipotesi prese in considerazione da Ranieri, ovvero 4-3-1-2 o il più classico 4-4-2. Qualora il tecnico di testaccio opterebbe per il modulo con il trequartista, sarebbe della gara Ricky Alvarez, il più fresco tra i convocati non avendo giocato molti minuti, con l’argentino impiegato proprio alle spalle del tandem offensivo, sicuro solo della presenza di Pazzini. Se, invece, sarà 4-4-2 la maglia da titolare andrà a Jonathan, il quale verrebbe schierato sulla corsia esterna di centrocampo davanti al nipponico Nagatomo, con Obi sulla fascia opposta e Zanetti-Cambiasso a comporre la linea mediana. Quasi sicura la presenza di Andrea Ranocchia che, squalificato in campionato, con tutta probabilità, sostituirà Walter Samuel. Milito e Zarate si contenderanno la maglia da titolare , quale spalla di Pazzini.

Luigi Perruccio