Inter > calciomercato Inter > Calciomercato Inter: Berlusconi stoppa Tevez, Moratti ci pensa

Calciomercato Inter: Berlusconi stoppa Tevez, Moratti ci pensa

Carlos Tevez - Getty Images

CALCIOMERCATO INTER BERLUSCONI TEVEZ PATO / MILANO – Giornata frenetica quella di ieri, legata ancora una volta al futuro di Carlos Tevez: l’attaccante argentino sembrava a un passo dal Milan, quando poi il rifiuto di Pato di trasferirsi al Paris Saint Germain ha bloccato tutto, almeno per ora. Adriano Galliani era volato a Londra in mattinata, insieme a lui l’avvocato Cantamessa, segnale inequivocabile di un’imminente accordo. Nella capitale inglese lo aspettavano Kia Joorabchian, agente dell’Apache, Giuseppe Riso, intermediario italiano dell’affare e i dirigenti del Manchester City. Un parterre de roi pronto a chiudere la telenovela Tevez: da Milano persino il presidente dell’Inter Massimo Moratti dava ormai scontata la fine della trattativa con parole sibilline: “Ormai va al Milan. Questo è il calcio”. L’agenzia di stampa francese ‘France Press’ dava fatto anche l’arrivo di Pato al Psg per 28 milioni di euro più 7 di bonus, insomma il cerchio si era chiuso: il Milan aveva finalmente in pugno il bomber argentino. Ma ecco catapultarsi sul sito ufficiale della società rossonera un comunicato di Alexandre Pato che non lasciava scampo ad altre considerazioni: “Resto qui. Il Milan è la mia casa. Ringrazio il presidente Berlusconi, la società e i tifosi che hanno sempre creduto in me”.

Il colpo di scena è pronto e servito, Galliani a questo punto interrompe la trattativa col City: “Sono contento che Pato resti al Milan. L’affare Tevez era legato alla sua cessione, a questo punto l’attaccante argentino può andare tranquillamente alla concorrenza“. Si chiude con queste parole, a meno di clamorosi cambi di scenari, il lungo amore mai consumato fra la società rossonera e l’Apache. A bloccare la partenza di Pato per Parigi sarebbe stato Silvio Berlusconi. Il presidente rossonero non avrebbe ritenuto positiva la partenza dell’attaccante brasiliano, tra l’altro legato sentimentalmente a sua figlia Barbara. In poche parole avrebbe mal digerito la partenza del Papero per acquistare Tevez, tanto da riuscire a stoppare l’arrivo dell’argentino proprio nel rush finale, delegittimando il lavoro fin qui svolto nella vicenda da Galliani. Ora toccherà a Moratti agire di conseguenza: defilata la maggior concorrente toccherà all’Inter decidere se affondare il colpo decisivo e tentare di chiudere l’acquisto del bomber argentino oppure no. Le prossime ore ci aiuteranno a capire quali saranno le strategie della società nerazzurra: il derby è ormai alle porte, molto probabilmente il capitolo Tevez sarà tenuta in stand-by fino a lunedì, giorno in cui l’entourage dirigenziale di Corso Vittorio Emanuele potrebbe partire nuovamente alla carica, per regalare ai tifosi nerazzurri il grande colpo.

 

Raffaele Amato