Inter > Inter News > Esclusive > Juventus-Inter, esclusivo Suarez: “Occasione ideale, ricordo un 2-0 da scudetto. Su Forlan e futuro…”

Juventus-Inter, esclusivo Suarez: “Occasione ideale, ricordo un 2-0 da scudetto. Su Forlan e futuro…”

Inter-Juventus - Getty Images


INTER, ESCLUSIVO SUAREZ JUVENTUS FORLAN / MILANO – Dopo sette stagioni di successi, in cui sono stati messi in bacheca quindici trofei, l’Inter chiuderà per la prima volta una stagione senza titoli. Domenica sera contro la Juventus i nerazzurri proveranno a togliersi una delle poche soddisfazioni della stagione, vincere il derby d’Italia ed infliggere ai bianconeri la prima sconfitta allo ‘Juventus Stadium‘: “Speriamo che questo tipo di sfida faccia ripartire la squadra e che possa dare il la ad una nuova seria di vittorie – dichiara in esclusiva a Interlive.it l’ex bandiera della Grande Inter, Luis Suarez – E’ certamente una occasione difficile, ma anche quella ideale per cambiare passo e dare un senso al finale di stagione. Uomini chiave? E’ chiaro che per vincere partire del genere tutta la squadra deve giocare bene, ma sono i cannonieri che possono fare la differenza. Io accanto a Milito farei giocare Forlan più che Pazzini: si è finalmente ripreso dagli infortuni, anche se non ha ancora dimostrato il suo valore”.

PASSATO E FUTURO – Nel periodo post Calciopoli il match tra Juventus ed Inter è sempre stato molto sentito dai giocatori in campo e dalle due tifoserie. “Ma la rivalità con i bianconeri c’è sempre stata e anche ai miei tempi era la partita più attesa, anche più che il derby contro il Milan – prosegue Luis Suarez a Interlive.it – Il più bel ricordo in un derby d’Italia è legato ad un 2-0 conquistato a Torino in cui io segnai un gol (16 maggio 1965, ndr): quella giornata scavalcammo il Milan in classifica e andammo a vincere lo Scudetto“. Per quanto riguarda il futuro, infine, l’ex regista spagnolo ha le idee chiare: “Serve il giusto mix tra giocatori di esperienza e giovani promettenti, ma al di là dell’età quel che è più importante è prendere calciatori di qualitità“.