Inter > Inter News > Inter, Moratti lancia il progetto del nuovo stadio: ecco come sarà

Inter, Moratti lancia il progetto del nuovo stadio: ecco come sarà

Panoramica dell'Emirates Stadium (Getty Images)

INTER NUOVO STADIO MASSI MORATTI 60MILA POSTI / ROMA – Qualcosa di grosso bolle in pentola nella cucina nerazzurra. Il presidente Massimo Moratti sta lavorando alacremente su più fronti: da un lato, è concentrato sul rafforzamento tecnico della squadra da mettere a disposizione di mister Stramaccioni, dall’altro, sullo sviluppo del marchio Inter – in questo caso l’arrivo di Fassone può essere considerato come una manna dal cielo – e sul progetto di un nuovo stadio tutto dedicato ai tifosi interisti. La collaborazione con la Cina, nello specifico con la China Railway Construction, e in futuro con altri soci stranieri, porterà alla creazione di un impianto avveniristico e moderno, che sancirà il definitivo addio allo stadio San Siro, che tante e tante emozioni ha regalato al popolo nerazzurro in questi ultimi anni. Il progetto-nuovo stadio – secondo il ‘Corriere dello Sport’ – gira nella testa di Moratti dal 2005, idea che poi fu frenata dalla crisi economica scatenatasi nel continente europeo quattro anni fa. Il nuovo ‘Inter Stadium’ potrebbe sorgere, secondo indiscrezioni, in sei possibili zone di Milano: Rozzano, Polesello, Gratosoglio, Rogoredo, Settimo Milanese e Parco Renno.

Entro il mese di settembre si dovrebbe prendere una decisione definitiva sul luogo in cui porre le basi per la costruzione del moderno impianto. Il progetto prenderà spunto dall’Emirates Stadium di Londra – vedi foto – dove gioca da qualche anno l’Arsenal. 60 mila posti a sedere, con in più ristoranti, bar e numerose attività commerciali. Per una spesa totale attorno ai 250 milioni di euro, e con un tempo massimo di costruzione intorno ai 4 anni. Ovviamente, prima di tutto ciò, la società nerazzurra dovrà trovare vari accordi col comune, tra concessioni e autorizzazioni. Uno sguardo al futuro, un progetto a medio-lungo termine. L’Inter vuol fare le cose in grande.

 

Raffaele Amato