Inter > Inter News > Inter, Moratti ottimista: “La squadra è forte, ma Strama deve capire che…”

Inter, Moratti ottimista: “La squadra è forte, ma Strama deve capire che…”

Massimo Moratti - Getty Images

INTER MASSIMO MORATTI STRAMACCIONI FUTURO / MILANO – Le delusioni chiuse in un cassetto, domani è un altro giorno. Massimo Moratti ammaina l’ascia di guerra, inutile immortalarsi su ciò che è stato, sugli errori commessi. La prossima partita è sempre la più importante, anche perché margini di recupero ci sono: “Occorrerà lavorare su tutto – ha dichiarato il patron dell’Inter a ‘Tuttosport’ -. Bisognerà recuperare la forma atletica migliore, e ritrovare le motivazioni che ci avevano spinto ai vertici della classifica. Il ritorno del Milan, ora a pari punti con noi, potrà darci ulteriori stimoli, mi fido dei miei calciatori, soprattutto di quelli più esperti“. Facile a dirlo, la pratica è tutt’altra cosa: “La squadra c’è, è forte: il nostro obiettivo è chiaro, la Champions League. E’ sempre stato questo fin da inizio stagione, anche se in un certo periodo sembrava potessimo lottare persino per lo scudetto“. Dopo Torino, la compagine nerazzurra ha subito un’involuzione tecnica e tattica: “Adesso bisogna restare uniti e compatti, al fianco dell’allenatore: Stramaccioni ha grande personalità, è un tipo tosto. Voglio e dobbiamo vincere d’ora in avanti, spetterà al tecnico decidere come e con quale undici cambiare l’andamento della stagione”. Da Kovacic a Milito, senza dimenticare Samuel; il ritorno dell’Inter alle posizioni di vertice potrebbe dipendere dalle prestazioni di questo terzetto: “E’ vero. Il croato ha dimostrato carattere, pur essendo molto giovane. Milito e Samuel sono per noi calciatori importanti: il ‘Principe’ potrà ridarci esperienza e qualità, il ‘Muro’ starà fuori ancora un po’, anche se sono convinto che alla fine anticiperà i tempi del rientro”. In conclusione, una speranza: “L’idea nostra è quella di ritrovare al più presto la squadra che ha vinto quel filotto di partite tra settembre e ottobre – ha sottolineato Moratti -, sperando che si ritrovi per davvero quella squadra…”.

 

Raffaele Amato