Inter > Inter News > Sampdoria-Inter, Rossi: “Ieri non mi hanno stupito, ma se Cassano…”

Sampdoria-Inter, Rossi: “Ieri non mi hanno stupito, ma se Cassano…”

Delio Rossi (Getty Images)

SAMPDORIA-INTER CONFERENZA STAMPA DELIO ROSSI / GENOVA – Centottanta minuti potrebbero essere un macigno per i muscoli, un po’ sensibili, di molti giocatori nerazzurri. La prova d’orgoglio contro il Tottenham, dura sotto l’aspetto fisico e mentale, non ha particolarmente sorpreso il tecnico della Samdporia, avversaria dell’Inter domenica sera allo stadio ‘Marassi’ di Genova: “Ieri non mi ha stupito, tra i giocatori interisti ci sono molti campioni abituati a questo genere di partite, e a reagire nei momenti di difficoltà – ha dichiarato Delio Rossi in conferenza stampa -. Piuttosto, sono molto dispiaciuto di come sia andata a finire la gara, è davvero un peccato che non abbiano superato il turno di Europa League“. Circa quarantotto ore tra una gara e un’altra, la ‘Doria’ domenica parte con i favori del pronostico: “Non credo, loro sono abituati a giocare ogni tre giorni: se fossimo stati noi a scendere in campo giovedì sera allora il discorso sarebbe stato giusto. Comunque, Stramaccioni può ritenersi soddisfatto del match giocato dai suoi”. L’Inter schiererà, molto probabilmente, la coppia d’attacco PalacioCassano, straordinaria e redditizia contro il gli inglesi: “Loro, a prescindere dei nomi, giocheranno da grande squadra: per ‘FantAntonio’ mi auguro che ci sia rispetto, avendo dato molto alla Samp – ha sottolineato -. Se mi piacerebbe allenarlo? Direi di sì: è un campione“. I blucerchiati vivacchiano nella zona tranquilla della classifica, a più undici punti dalla terz’ultima, mentre la ‘Beneamata’ è distante quattro lunghezze dal terzo posto. Tra le due squadre vi è un divario di dodici punti: troppo, almeno sulla carta, per dare come favorita la squadra genovese. Anche se nel calcio tutto è possibile: “Se giocheremo come a Cagliari sarà dura – ha evidenziato in conclusione l’allenatore -. Però, abbiamo preparato alcune cose per metterli in difficoltà“.

 

Raffaele Amato