Inter > Inter News > Inter: incredibile Nagatomo, rebus Cassano

Inter: incredibile Nagatomo, rebus Cassano

Yuto Nagatomo (Getty Images)

INTER SCELTE TRASFERTA GENOVA / MILANO – Dopo la rottura del menisco esterno rimediata nella gara col Cagliari, e la conseguenta dipartita destinazione Osaka per un consulto con lo specialista di fiducia, sia i benpensanti sia i maligni pensavano, o quantomeno s’immaginavano che la stagione di Yuto Nagatomo si fosse conclusa con discreto anticipo rispetto al termine naturale della stagione. Invece, qualche giorno dopo la partenza per il Giappone, il laterale nerazzurro si è ripresentato sorridente alla Pinetina per svolgere qualche leggera seduta di allenamento. Nel mezzo della poco allegra storiella, il buon Yuto e l’Inter si sono scontrati sulla questione-operazione: il primo non voleva e non desidera andare sotto i ferri per risolvere i guai al ginocchio, preferendo la terapia conservativa (per poter giocare anche la Confederations cup il prossimo giugno, ndr) – che già non aveva sortito gli effetti sperati nel periodo successivo alle lesioni al menisco subite nel derby col Milan dello scorso febbraio -, mentre la seconda preferiva e vorrebbe tutt’ora che il suo giocatore, al quale ogni mese elargisce un lauto stipendio, ricorresse all’intervento, unica soluzione per porre rimedio definitivamente anziché mettere una pezza alla brutta sventura.

Qualche giorno di corsa qua e là, una partitella in famiglia, ed ecco che Nagatomo è arruolabile incredibilmente per queste ultime due partite di campionato, in cui tutti gli obiettivi, dal massimo al minimo, son già belli che andati. Il nipponico, secondo le ultime informazioni che giungono da Appiano Gentile, dovrebbe addirittura fare parte dell’undici che scenderà in campo domenica alle 12.30 in quel di Genova. A sinistra nella difesa a quattro. I centrali dovrebbero essere Chivu (non al meglio) e Cambiasso, in ballottaggio con Pasa, viste le indisponibilità di Ranocchia Samuel e Juan Jesus. Intatto il rebus Cassano: il barese dovrebbe essere convocato, per poi partire dalla panchina.

 

Raffaele Amato