Inter > Inter News > Calciomercato Inter: Mazzarri ‘invoca’ i soldi di Thohir

Calciomercato Inter: Mazzarri ‘invoca’ i soldi di Thohir

Walter Mazzarri (Inter.it)

Walter Mazzarri (Inter.it)

CALCIOMERCATO INTER / MILANO – A gennaio non ci sarà spazio per sognare. O forse sì. Dipenderà, lo dicono e lo pensano in molti, dalla posizione in classifica dell’Inter, ovvero dal distacco che essa avrà dalla zona Champions o dall’utopia scudetto. Se le lunghezze di distanza dalla ambita coppa o dall’agognato tricolore dovessero essere molte, allora ecco che il biscione tirerà a campare fino a giugno così com’è, magari con l’aggiunta di uno o due esterni richiesti a gran voce da Walter Mazzarri. I nomi sono sempre gli stessi: Insua, terzino sinistro dell’Atlético Madrid, e Sime Vrsaljko, terzino destro che il Genoa adesso valuta oltre i 10 milioni di euro.

IL SOGNO – Un nome e un cognome: Marco Verratti. Giovane (20 anni) con una già elevata esperienza a livello internazionale. Ha da poco siglato il rinnovo del contratto – fino al 30 giugno 2018 – con il Paris Saint Germain, che ormai punta su di lui per il presente e per il futuro. Ma la sua ‘voglia di Italia’, mai sopita, potrebbe indurlo a chiedere la cessione in estate. Nel caso, costerebbe comunque un bel po’ di soldi, tenuto conto che è stato pagato due anni fa circa 15 milioni di euro. Come scrive ‘La Gazzetta dello Sport’, giocatori alla Lavezzi, ovvero quelli con stipendi alti e non più giovanissimi, non rientreranno nei parametri dell’Inter all’indonesiana.

OBIETTIVI CONCRETI – Tante candidature, ma per ora zero trattative: l’Inter segue con attenzione i vari Schar (difensore del Basilea), Xhaka (mediano del Borussia Monchengladbach), Sandro (terzino sinistro del Porto), Castillo (attaccante della Universidad Catolica), Hernandez (attaccante del Palermo) e molti altri. In auge resta sempre il nome di Nainggolan, vista l’intenzione di Thohir di portare all’Inter un giocatore indonesiano. Si cercano giovani in grado di sostituire i tanti vecchi senatori pronti a lasciare Appiano Gentile, perché in scadenza di contratto. Ma il motto, alla fine, sarà sempre quello: vendere e poi acquistare.

 

R.A.