Inter > Pagelle - I voti degli esperti > Fiorentina-Inter 2-1, le pagelle: Palacio ‘evergreen’, Icardi opaco. Ok Brozo

Fiorentina-Inter 2-1, le pagelle: Palacio ‘evergreen’, Icardi opaco. Ok Brozo

Brozovic in Fiorentina-Inter (Inter.it)

Brozovic in Fiorentina-Inter (Inter.it)

FIORENTINA-INTER PAGELLE / FIRENZE – C’è di tutto, nella sfida del ‘Franchi’ che vede la Fiorentina superare l’Inter per 2-1. I nerazzurri passano in vantaggio con Brozovic per poi farsi rimontare con due gol per certi versi inguardabili (Valero e Babacar). In mezzo, spazio anche a Mazzoleni che espelle Telles per un fallo e mezzo dopo aver ignorato altri episodi.

INTER 

Handanovic 6 Reattivo nelle prime fasi con due parate importanti, si ripete allo scadere del primo tempo su un colpo di testa di Vecino. Immobile, invece, su quello di Valero che sancisce l’1-1. Sul 2-1 fa quello che può, ma allo stesso tempo la respinta su Babacar è fin troppo ingenua.
Nagatomo 4,5 Primo tempo appena sufficiente, nella ripresa si dimentica Valero permettendogli di segnare di testa l’1-1. Qui, di fatto, finisce anche la sua partita. Bernardeschi e Zarate ringraziano.
Miranda 6 Perde un pallone banale in avvio, ma nel complesso fa il suo impedendo a Kalinic qualsiasi movimento. Il croato sparisce dal campo, ma sfortunatamente non c’è un Miranda anche su Valero, e da lì inizia il dramma…
Murillo 5,5 Prestazione attenta, pesano però la malaugurata deviazione con cui propizia la rete di Valero e l’intervento maldestro che non riesce a togliere a Babacar il 2-1. Esce anche malconcio per una gomitata di Kalinic.
Telles 6,5 Salva il risultato con un prodigioso intervento sulla linea, negando ad Ilicic un gol fatto. In generale si dimostra molto attento contro avversari scomodi e disputa una buona gara, perlomeno finché Mazzoleni non decide di espellerlo.
Brozovic 6,5 Sbaglia diversi tocchi a centrocampo, ma al contempo segna l’1-0 dopo  un’intelligente incursione nell’area viola. A centrocampo garantisce comunque tanta quantità.
Medel 6 Inizialmente patisce la verve dei padroni di casa, poi torna il solito ‘Pitbull’ prendendo il controllo della mediana. Alla distanza cala in lucidità, ma si fa sempre vedere nel pressing.
Kondogbia 6 Ispira l’azione dell’1-0 con una verticalizzazione intelligente e, al netto di qualche palla persa con sufficienza, disputa un buon primo tempo. Impressionante quando si lancia nelle sue cavalcate.
Eder 5,5 Nella sua prestazione, solo tanto sacrificio e pochissima gloria personale. Nei paraggi dell’area viola si vede davvero molto poco.
> dal 71′ Perisic 5,5 Non riesce a replicare la bella prova di Verona, anzi, si dimostra troppo impreciso nonostante la fiducia dei suoi compagni, che gli affidano spesso il pallone.
Icardi 5,5 
Nel primo tempo si eclissa un po’, ma sul gol di Brozovic il suo movimento vale quanto un assist perché permette al croato di calciare liberamente. Di fatto però non gli capitano occasioni da gol.
Palacio 6 Parte da lui l’assist a Brozovic, a coronamento di un primo tempo ottimo. Nella ripresa cala un po’, prova a metterci l’esperienza ma perde lucidità, pur continuando a garantire corsa e copertura a tutto campo. Dopo il rosso a Telles viene sacrificato.
> dall’84’ D’Ambrosio sv

Mancini 5 La sua squadra inizialmente soffre le incursioni di Bernardeschi, ma Mancini riesce ad arginarle piuttosto bene e di lì a poco arriva anche il vantaggio firmato da Brozovic. Nella ripresa l’Inter concede di nuovo qualcosa, alla ricerca del 2-0 che chiuderebbe la gara, ma uno svarione di Nagatomo regala il pareggio alla Fiorentina. E’ fatta: l’Inter cade dalla sella e, dopo la controversa espulsione di Telles, nel finale concede gloria anche a Babacar. La solita Inter, troppo molle, punita eccessivamente da episodi fortunosi e per di più vessata da arbitraggi non propriamente trasparenti. Ma almeno la grinta andrebbe tirata fuori.

FIORENTINA
 
Tatarusanu 6 Incolpevole sullo 0-1 di Brozovic.
Roncaglia 5,5 Sulla rete nerazzurra si fa ingannare da Icardi.
Rodriguez 6 Abile nel giocare d’anticipo.
Astori 6 Prestazione attenta.
Alonso 6 Non benissimo, concede troppo.
Vecino 5,5 Rispetto al solito pecca di precisione.
> dall’86’ Costa sv
Valero 7 Un autentico faro nel centrocampo viola.
Bernardeschi 6,5 Spina nel fianco costante per i nerazzurri.
Ilicic 5,5 Disinnescato dalla retroguardia interista.
> dall’86’ Babacar 6,5 Segna il gol che vale il 2-1, forse in fuorigioco.
Tello 6 Bel duello con Telles.
> dal 59′ Zarate 5,5 Entra nell’azione del 2-1, poi si fa espellere in modo vergognoso.
Kalinic 5,5
Miranda gli chiude tutti gli spazi, lui si abbassa e gioca per i compagni.

Sousa 6 La Fiorentina comincia bene la gara, impegnando Handanovic in due o tre occasioni, ma accusa il colpo dopo il vantaggio degli ospiti. E’ qui che i nerazzurri dovrebbero chiudere la gara, ma non ci riescono e tutto si riapre dopo l’1-1 di Valero per gentile concessione di Nagatomo. Col risultato in parità e il match in equilibrio, la Fiorentina beneficia del rosso a Telles che indirizza la gara anche dal punto di vista mentale, e approfitta con cinismo dell’unica vera occasione da rete, peraltro anche abbastanza fortunata.

Arbitro Mazzoleni e assistenti 4 Nelle prime fasi fa innervosire i nerazzurri con qualche scelta sbilanciata a favore dei viola: grazia Rodriguez che aveva commesso fallo tattico su Kondogbia, e un minuto dopo ammonisce il nerazzurro Telles in una situazione identica (ammonito anche Medel che gli aveva fatto notare l’ingiustizia). Clamorosa anche la gomitata che Kalinic rifila a Murillo, in pieno viso, senza essere punito. Nel finale, puntualmente, Mazzoleni espelle Telles per un mezzo fallo che costa al brasiliano il secondo giallo; dopodiché, grazia ancora Rodriguez (questa volta reo di aver allontanato il pallone) dopo aver ammonito Palacio per lo stesso motivo in precedenza. Al 90′, Babacar sembra in leggero fuorigioco sul gol del 2-1. Per finire, Mazzoleni si dimostra incapace di gestire anche una banale rimessa laterale per i nerazzurri (3′ per batterla, con Zarate e i raccattapalle dello stadio a stuzzicare i giocatori dell’Inter): allora espelle Zarate e, per motivi da chiarire, Kondogbia. Sembra incredibile, ma basti guardare il conto delle ammonizioni. Vince l’Inter per 6 a 2, in una gara di sostanziale equilibrio…

Alessandro Caltabiano