Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Calciomercato Inter, gli eredi dei protagonisti dello storico Triplete

Calciomercato Inter, gli eredi dei protagonisti dello storico Triplete

Niklas Stark (Getty Images)
Niklas Stark (Getty Images)

CALCIOMERCATO INTER TRIPLETE / MILANO – C’era una volta l’Inter tritatutto, quella che nel 2010 ingordamente si prese ogni ben di Dio: campionato, coppa Italia e Champions League. Lo storico Triplete, per capirci. Be’, quell’Inter là non c’è più, e anche da un bel po’ di tempo. Fatti due conti, da poco più di due anni. Via via è stato smantellato quel fantastico e vincente gruppo, dal tecnico Mourinho al campione-gregario Eto’o, da Lucio a Thiago Motta, fino all’olandese volante Sneijder.

Sono rimasti solo gli argentini (e un rumeno), i più ‘vecchi’ e, in un certo senso, i più legati alla società, nello specifico a Massimo Moratti. Ma ora è arrivato il fatidico momento, complice anche l’arrivo di Thohir: addio, quindi, anche ai superstiti che han fatto storia e, forse, leggenda. Da Samuel al principe Milito, tabula rasa dell’Inter che era e che è. Approfittando, ma certo, dei loro contratti in scadenza a giugno 2014. Senza dimenticare Chivu, Zanetti e Cambiasso. Seppur quest’ultimo potrebbe essere l’unico a salvarsi dalla rivoluzione. Forse.

Via i protagonisti del Triplete, dentro il meglio – si spera – del giovane mercato italoeuropeo. I nomi, tanto per non dilungarci ulteriormente: per la difesa il colosso Zouma, centrale di belle speranze del Saint-Etienne; sulle corsie, Insua dell’Atlético Madrid e Sime Vrsaljko del Genoa, baby prodigio titolare inamovibile della nazionale croata. In attacco, al posto del partente Milito, fiducia a Icardi, ma il sogno di Mazzarri resta sempre Osvaldo, che il Southampton ha pagato l’estate scorsa 15 milioni di euro più bonus. A centrocampo, in caso di addio pure del ‘Cuchu’, spazio al peperino Stark, diciottenne di 1.90 del Norimberga. Le intenzioni ci sono, la nuova generazione è stata delineata. Serviranno i soldi, ma a questo ci penserà l’indonesiano.

 

R.A.