Inter-Sassuolo 7-0: finisce come un anno fa! Kovacic incanta, festeggia anche Guarin

0
21
Inter-Sassuolo 7-0
Inter-Sassuolo 7-0

INTER-SASSUOLO 7-0 / MILANO – Perfetta la seconda per l’Inter di Mazzarri, che al ‘Meazza’ stravince 7-0 contro l’italiano Sassuolo. Partita senza storia che termina come un anno fa: ispira e realizza il primo gol in A Mateo Kovacic, tripletta per Icardi e doppietta di Osvaldo su assist del figliol prodigo Guarin, che poi segna anche l’ultimo della fiera dei gol. Facile, anzi facilissimo per i nerazzurri, cinici e spietati al cospetto di un avversario sgonfio (con emblema Zaza) e, forse come lo 0-7 di un anno fa, schierato con masochismo tattico da Di Francesco.

LA PARTITA
Inter con le due punte, Icardi e Osvaldo, Medel centromediano a copertura degli interni, molto alti, Hernanes-Kovacic. Come prevedibile il 4-3-3 del Sassuolo si tramuta in un 4-5-1 nella fase passiva. Che è troppo leggera, tanto da favorire pronti-via la breve percussione nel corridoio sinistro di Kovacic, il cui tiro, smorzato, consente a Icardi di raccogliere in area e, in modo voluto ma fortuito, di segnare la rete del vantaggio già al 3′. Subito il gol, i neroverdi alzano il proprio baricentro attuando un pressing molto offensivo e un gioco posizionale, concentrato soprattutto sulle fasce, che più di una volta mette in apprensione l’organizzazione difensiva dei padroni di casa.

Dopo una fase di confusione, l’Inter si riassesta e raddoppia con un’azione d’attacco di grande qualità: tacco volante di Icardi per Osvaldo; sponda dell’italoargentino per Kovacic, lasciato libero dal diretto avversario, che taglia in area per poi spiazzare Consigli con l’esterno destro: 2-0 al 21′, primo gol in Serie A per il croato, in Patria criticato per i brutti quarantacinque minuti contro Malta, ma oggi posseduto da magia. Tutto fin troppo facile per la squadra di Mazzarri (per il tecnico 150esima vittoria in A), padrona del campo per larghi tratti. Il Sassuolo si dimentica le marcature, in particolare si dimentica Icardi alla mezz’ora, solo al limite dell’area per la precisa conclusione del 3-0.

Non c’è più partita, l’asse centrale interista, con Medel onnipresente, è in pieno controllo, Dodò in crescita sull’out mancino: su un’altra autostrada costruita dagli uomini di Di Francesco, va veloce proprio il brasiliano; Consigli respinge il suo tiro che Osvaldo, ovviamente libero, conclude il sigillo del 4-0. Nella ripresa entra l’ex Taider (viene anche espulso Berardi per una gomitata su Juan Jesus) e l’Inter continua la sua partita: pressing alto, tanto sacrificio in mediana e difesa dominante: da centrale, Ranocchia è a più a suo agio tanto che non sbaglia un intervento. Insomma i nerazzurri non si accontentano, voglion strafare. E ci riescono: al 52′ l’illuminato Kovacic regala un delizioso assist a Icardi, che si gira e conclude per la tripletta e il 5-0.

Festeggia anche Guarin che, poco dopo il suo ingresso in campo (poi toccherà a Mbaye e Palacio), spazza via le le nubi del mercato prima fornendo l’assist per Osvaldo (doppietta) poi realizzando con una saetta la rete del tennistico e meritato 7-0. Sassuolo, senza un pizzico di agonismo, bocciato senza riserva, Inter promossa a pieni voti e ora attesa al debuto in Europa League, giovedì in Ucraina contro il Dnipro.

 

IL TABELLINO

INTER-SASSUOLO 7-0
3′ 29′ e 52′ Icardi, 21′ Kovacic, 42′ e 72′ Osvaldo, 74′ Guarin

INTER (3-5-2): Handanovic; Andreolli, Ranocchia, Juan Jesus; Nagatomo (61′ Mbaye), Hernanes, Medel, Kovacic (64′ Guarin), Dodò (76′ Palacio); Osvaldo, Icardi. A disp.: Carrizo, Berni, D’Ambrosio, Campagnaro, Kuzmanovic, Obi, Krhin, M’Vila. All. Mazzarri

SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Vrsaljko (17′ Gazzola), Terranova, Ariaudo, Peluso; Biondini, Magnanelli, Missiroli (46′ Taider); Berardi, Zaza (64′ Pavoletti), Sansone. A disp.: Pomini, Polito, Longhi, Antei, Acerbi, Brighi, Floro Flores, Gliozzi, Floccari. All. Di Francesco

ARBITRO: Calvarese di Teramo
NOTE – Ammoniti: 33′ Ariaudo (S) – Espulsi: 59′ Berardi

Raffaele Amato