Inter-Verona 1-0, basta Felipe Melo per la cinquina

0
100
Felipe Melo, di testa, segna al Verona
Felipe Melo, di testa, segna al Verona

SERIE A INTER-VERONA 1-0 / MILANO – E sono cinque. L’Inter sconfigge anche il Verona col minimo scarto, è la quinta vittoria della squadra di Mancini nelle prime cinque giornate di Serie A, il quarto 1-0. Gol di Melo dopo la traversa di Sala, forse un segno del destino: questa è la stagione dei nerazzurri. Brutti, ma fortunati e cinici.

LA PARTITA
Mandorlini è sfortunato, al 20′ perde per infortunio Pazzini (ko dopo scontro con Melo), il sostituto di Toni, out per due mesi. Il suo Verona, in campo col 5-3-2, difende molto basso, copre bene raddoppiando le marcature. E non va male quando riparte, specie dopo l’ingresso in campo di Siligardi. Sfonda a destra, al 34′ Pisano supera Telles e crossa in mezzo, Gomez manca il facile tap-in di testa. L’Inter, schierata col 4-3-3, agevola il compito degli scaligeri giocando a bassissimo ritmo, con poche idee e nessun giocatore in grado di attaccare gli spazi. Si propone solo Kondogbia, mentre alla soglia del duplice fischio cresce di tono Ljajic, all’esordio, partendo da sinistra per convergere centralmente e aprire campo a Santon che, una volta servito, sbaglia l’ultimo passaggio, quello decisivo o meno.

A inizio secondo tempo non cambia lo spartito: il Verona con la saracinesca chiusa, Inter sempre lenta e inconcludente ma, come nelle precedenti quattro giornate, fortunata e cinica. Al 53′ Siligardi avvia con un grande stop il contropiede, Greco confeziona l’assist per Sala che centra la traversa. Gol mancato, gol subito: 55′, corner e capocciata di Felipe Melo che vale l’1-0. Il vantaggio sblocca un po’ i nerazzurri, entrano Jovetic e Biabiany (in campo dopo 13 mesi) per passare a uno ‘strano’ 3-4-3, con Santon retrocesso a centrale. Ennesimi tre punti per l’Inter, in testa alla classifica tre lunghezze sopra la Fiorentina, l’avversario di domenica.

INTER-VERONA 1-0
55′ Felipe Melo

INTER (4-3-3): Handanovic; Santon, Miranda, Medel, Telles (88′ Ranocchia); Guarin, Melo, Kondogbia (62′ Biabiany); Perisic, Icardi, Ljajic (56′ Jovetic). A disp.: Carrizo, Radu, Montoya, Nagatomo, D’Ambrosio, Brozovic, Gnoukouri, Palacio, Manaj. All.: Mancini

VERONA (3-5-2): Rafael; Bianchetti, Moras, Helander; Albertazzi (70′ Souprayen), Sala (75′ Zaccagni), Viviani, Greco, Pisano; Pazzini (20′ Siligardi), Gomez. A disp.: Coppola, Gollini, Wszolek, Zaccagni, Matuzalem, Winck, Guglielmelli, Checchin. All.: Mandorlini

ARBITRO: Russo di Nola
NOTE – ammoniti: 3′ Guarin, 36′ Kondogbia (I): 8′ Albertazzi, 60′ Sala, 64′ Greco, 82′ Helander (V)

Raffaele Amato