Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Juventus-Inter: tra statistiche e precedenti in serie A

Juventus-Inter: tra statistiche e precedenti in serie A

Juventus-Inter

JUVENTUS INTER STATISTICHE PRECEDENTI / MILANO – Il posticipo della 23esima giornata di serie A pone di fronte Juventus e Inter. Il 5 febbraio a Torino alle 20.45 va in scena il ‘Derby d’ Italia’, l’ennesima sfida tra due formazioni che non hanno mai nascosto antipatie e rancori reciproci. Dopo le vicende di “calciopoli”, nel 2006, con la revoca di due scudetti alla Juventus e la consegna dell’ultimo all’Inter, la rivalità sportiva fra le due tifoserie è aumentata in modo allarmante fino a spingere le rispettive dirigenze ad uno sforzo volto a stemperare gli animi e a riportare il confronto ad un livello accettabile. In vista della gara, interlive.it vi propone alcune curiosità e statistiche legate al match. Dando uno sguardo agli annali, nel corso della storia Juventus e Inter si sono affrontate in serie A 97 volte a Torino, con i bianconeri che si sono imposti per 65 volte, in 18 occasioni le due squadre si sono divise la posta in palio, mentre i nerazzurri hanno espugnato l’ostico campo per 14 volte. La nostra panoramica si apre con la prima sfida ufficiale disputata a Torino che risale al Campionato 1909/10. Il 14 novembre i bianconeri vinsero 2-0 con la doppietta di BorielLa prima vittoria dell’Inter in casa della Juventus è datata 28 maggio 1911. Decisero il match un autorete di Hess e Gama per lo 0-2 finale. Il successo più eclatante dell’Inter risale al Campionato 1911/12. Finì 0-4 grazie alle reti di Aebi, Bontadini (doppietta) e EnglerIl match con più gol in assoluto risale al 10 giugno 1961, storico il parziale di 9-1 rifilato dai bianconeri ai nerazzurri, scesi in campo però con la primavera in segno di protesta nei confronti di C.A.F e FIGC. Dando uno sguardo agli annali non possiamo non soffermarci al 26 aprile 1998, quel giorno si giocò il match che valeva lo scudetto di quella stagione, giacché le due squadre erano divise da un solo punto. La settimana d’avvicinamento aveva visto la Juventus nell’occhio del ciclone perché ad Empoli aveva vinto una partita grazie ad un grosso abbaglio arbitrale che le aveva consentito di tenere il primato; Stefano Bianconi andò in gol di testa, Angelo Peruzzi tirò fuori la palla dalla porta, dopo che era entrata di ben oltre un metro, l’arbitro non vide e la Juve conservò così il punto di vantaggio sui nerazzurri. Tornando al match, nel primo tempo sbloccò il risultato Del Piero al 21′. Nel secondo tempo l‘Inter, nonostante l’inferiorità numerica (rosso per Ze Elias, ndr) spinse sull’acceleratore, sfiorando il pareggio in varie occasioni. Il possibile pareggio fu negato dall’arbitro Ceccarini  non vedendo un evidente fallo di Iuliano su Ronaldo. Come se non bastasse sul capovolgimento di fronte, l’arbitro assegnò un rigore alla Juventus, per un presunto fallo di West su Inzaghi. Il pacato Gigi Simoni andò su tutte le furie; volarono parole pesanti come un ‘Si vergogni‘, che costò l’allontanamento dal campo del tecnico di Crevalcore. L‘Inter ci provò ma Angelo Peruzzi respinse i tiri di Ronaldo e Zamorano e la Juventus vinse così lo scudetto numero 25, uno scudetto che gli uomini di Simoni, guidati da un grande Ronaldo, avrebbero meritato ma del quale sono stati privati per delle decisioni arbitrali del tutto sbagliate. Dopo la partita, per diverse settimane, si scatenò un’ondata di polemiche senza precedenti, con l’intervento addirittura del Parlamento italiano tramite alcune interrogazioni parlamentari. Anche l’arbitro Ceccarini ammetterà pochi mesi dopo il suo grave errore, in un’intervista al Corriere della Sera. I tifosi nerazzurri, ricorderanno, inoltre, con molto piacere anche la vittoria nel 2003. Al ‘Delle Alpi’ finì 1-3 per i nerazzurri che festeggiarono grazie alla giornata di grazia di Julio Cruz. L’argentino quando vede bianconero sfodera sempre grandissime prestazioni e lo conferma due anni dopo: il 20 aprile 2005 l’ Inter vinse 0-1 sbancando lo stadio delle ‘zebre’ grazie a una rete del ‘Jardinero’Altro match ‘particolare’, i cui eventi hanno avuto rilevanza, è stato quello della stagione 2008-2009Balotelli mise a segno il gol dello 0-1, ed a seguito di questa rete i tifosi bianconeri cominciarono a cantare cori razzisti verso il giovane talento dell’InterBalotelli in seguito venne sostituito, e la partita si chiuse sull’1-1, con il gol di Zdenek Grygera nel finale. A causa dei suddetti cori razzisti, la Juventus venne punita con una giornata da giocare a porte chiuse. In seguito la UEFA decise che gli arbitri, in caso di eventi simili, avrebbero potuto sospendere la partita. L’ultimo successo dell’Inter in serie A a Torino, risale al 3 novembre 2012, in quell’occasione i nerazzurri si imposero con il punteggio di 1-3: al gol iniziale di Vidal (in fuorigioco, ndr), risposero prima Diego Milito con una doppietta e Rodrigo Palacio. L’Inter vinse una partita storica contro la Juventus, sancendo la prima sconfitta subìta dai bianconeri all’interno dello Stadium. La squadra guidata allora da mister Stramaccioni interruppe bruscamente un’imbattibilità durata per ben 49 giornate. L’ultimo pareggio tra le due compagini risale al 6 gennaio 2015, il match terminò 1-1. Al  gol iniziale di Tevez rispose Mauro IcardiL’ultima vittoria bianconera in serie A a Torino, è datata 29 febbraio 2016, coincide anche con l’ultimo precedente in Campionato. I bianconeri si imposero 2-0, sul taccuino dei marcatori finirono Bonucci e Morata. Statisticamente i risultati più fequenti sono lo 0-0 e l’1-0 da parte bianconera, statistiche e posizione in Campionato a parte, la sfida tra Juventus ed Inter è stata spesso imprevedibile e ha regalato, spesso, parecchie sorprese: chissà domani cosa ci riserverà il big match. Stefano Vimercati