Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Inter-Genoa, conferenza Spalletti: ”Vogliamo lasciare una traccia importante. Candreva sbaglia? Colpa mia...

Inter-Genoa, conferenza Spalletti: ”Vogliamo lasciare una traccia importante. Candreva sbaglia? Colpa mia perché…”

Spalletti ©Getty Images

INTER-GENOA, CONFERENZA SPALLETTI / MILANO – Conferenza stampa per Spalletti che alla vigilia di Inter-Genoa ha rilasciato queste dichiarazioni: ”Dopo il risultato di Bologna la reazione deve essere più forte, ma l’obiettivo finale è quello che conta. Abbiamo intrapreso una strada che ha suscitato curiosità da parte dei nostri tifosi, vogliamo ripagare la loro fiducia. Mercato? Noi siamo questi e non dobbiamo aspettare la Befana o Babbo Natale. Non sappiamo cosa succederà dopo, ma io mi fido di questi calciatori. Noi sappiamo cosa fare: costruire una squadra per lasciare una traccia del nostro passaggio dall’Inter. Vado dritto per la mia strada, poi è vero che il primo tempo di Bologna è stato sotto livello. Nela ripresa la squadra ha fatto abbastanza bene, con l’ansia di dover recuperare un risultato ha fatto cose scomposte”.

Inter-Genoa, conferenza Spalletti: ”Candreva sbaglia? Colpa mia perché…”

”Formazione? Vi aiuterei ma dovreste capire il mio lavoro… Dire a un calciatore che non gioca non è facile, poi magari voglio motivare qualcuno o farlo sentire tranquillo e gli dico che gioca, oppure mi sembrava disturbato dall’attesa di sapere se giocasse o meno. Chi entra dalla panchina è determinante? Un giocatore che accetta di fare la controfigura è roba brutta, penso che anche i calciatori vogliano ribaltare questo pensiero. Pinamonti e Karamoh? Manca un po’ di malizia a entrambi, ma hanno qualità per diventare ottimi giocatori da Inter.  Candreva sbaglia i cross? Colpa mia, gli ho chiesto io di tirarli in quel modo, sul vertice corto per andare ad anticipare. Poi uno che ha un piede importantissimo come Antonio ha bisogno che gli si conceda mezzo metro. Cercherò di liberarlo un po’ perché le sue qualità sono superiori alle mie conoscenze, lo lascerò più libero. Il trequartista? Potrei anche invertirlo da vertice alto a vertice basso essendo quasi tutti centrocampisti, il trequartista che riceve spalle alla porta non c’è” ha concluso.

S.M. – www.interlive.it