Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Vecchi: “Con Conte è stato fatto un ulteriore step”

Vecchi: “Con Conte è stato fatto un ulteriore step”

Inter, l’ex allenatore della Primavera nerazzurra Stefano Vecchi, è stato intervistato da Radio Sportiva per dare il suo parere su Sebastiano Esposito e sulla lotta scudetto

Calcio in tv, la guida di lunedì 26 marzo
Calcio in tv, la guida di lunedì 26 marzo ©Getty Images

INTER VECCHI INTERVISTA/ L’ex tecnico della Primavera dell’Inter Stefano Vecchi, dopo la sfortunata avventura con il Venezia terminata dopo poche giornate nello scorso campionato cadetto, riparte dal Sudtirol che milita nel girone B della serie C. L’allenatore è stato intervistato da Radio Sportiva, per avere un’opinione su Sebastiano Esposito che dopo l’infortunio di Alexis Sanchez è tornato in auge in nerazzurro e dovrà saltare il mondiale under 17. Queste le sue parole: “E’ un bene che gli venga concessa un’opportunità, poi bisogna vedere se sarà effettivamente impiegato in campo. Nelle amichevoli pre-campionato ha dimostrato di saperci fare, con i pari età è sempre un gradino avanti, quindi ci può stare. Esposito è sempre stato considerato un fiore all’occhiello del settore giovanile dell’Inter. Sta bruciando le tappe, complimenti a lui. Dovrà essere bravo a sfruttare questa occasione per imporsi come hanno fatto, ad esempio, Donnarumma e Cutrone“.
Gli hanno fatto notare che con l’arrivo di Antonio Conte, sono anche aumentati i giocatori italiani nella rosa nerazzurra e lui ha spiegato: “Probabilmente è stata fatta un’inversione di tendenza, ma c’è anche un po’ di casualità. Adesso ci sono altri club di Serie A pieni di stranieri. Ho visto comunque tanti giovani in Under 21 che sono cresciuti nonostante gli stranieri”. Gli hanno chiesto se i nerazzurri, potranno entrare nella lotta scudetto e lui ha detto: “Un po’ di distanza c’è ancora rispetto alla Juventus, ma in questi ultimi anni sono stati fatti sicuramente dei passi in avanti. Con Conte è stato fatto un ulteriore step, non solo come costruzione di organico ma anche da un punto di vista mentale, di convinzione. L‘Inter sarà una squadra che proverà a contrastare fino alla fine la Juventus“.