Joao Mario: “Mi piace Mosca, spero che la società possa riscattarmi”

0
13

Inter. il centrocampista Joao Mario, in prestito con diritto di riscatto alla Lokomotiv Mosca ha voluto dare il suo parere su questi positivi mesi in Russia e spera di essere riscattato dal club 

inter joao mario
Joao Mario alla Lokomotiv Mosca

INTER JOAO MARIO INTERVISTA/ L’ex centrocampista dell’Inter Joao Mario, è stato intervistato da ‘Sport24’ per spiegare la sua stagione in prestito nella squadra russa. Il calciatore sta avendo un buon rendimento nella Lokomotiv Mosca e il club sembrerebbe intenzionato a confermare il centrocampista anche nella prossima stagione e ad avvalersi dell’opzione di riscatto fissata a 18 milioni di euro, per acquistare il calciatore a titolo definitivo. Questa prospettiva  farebbe piacere sia al giocatore portoghese che alla stessa dirigenza nerazzurra. In merito alla stagione che sta vivendo nel club russo ha detto: “Sono contento di essere alla Lokomotiv Mosca. Ho giocato in Champions League ed è un peccato non essere riusciti a ottenere il pass per l‘Europa League, perché era nelle nostre possibilità. Ora aiuterò la squadra a raggiungere una nuova qualificazione in Champions“.

LEGGI ANCHE ->>> Calciomercato, Inter-Vidal: l’annuncio di Bartomeu

LEGGI ANCHE ->>> Inter, Moratti: “Triplete grazie all’addio di Ibra. Avrei fatto follie per Iniesta”

Sulla decisione di accettare il prestito nel club moscovita ha spiegato: “Sono molto felice. Cercavo una squadra che giocasse in Champions e che mi concedesse spazio in vista anche degli Europei 2020. Non aveva senso lasciare l’Inter per trasferirsi in un club in cui avrei fatto panchina“. Gli hanno domandato, se preferirebbe restare a Mosca o tornare a Milano e lui ha risposto: “Sceglierei la Lokomotiv. Mi piace il club e la città, spero che la società possa riscattarmi“. Gli hanno chiesto un parere sul campionato di serie A e lui ha dichiarato: “E’ il campionato in cui è più difficile giocare. Anche la Premier è complicata, ma ci si abitua prima. Tutte le squadre sono preparatissime tatticamente e ci vuole tempo per capire e ambientarsi”.