Calciomercato Inter, colpo di scena | Rottura totale con Raiola

0
1225

Le ultime di calciomercato Inter si concentrano su Mino Raiola mollato da un giocatore accostato anche di recente al club nerazzurro. Ecco i dettagli

Mino Raiola (Getty Images)

Mino Raiola è stato di recente in Italia per incontrare le società in cui militano i suoi assistiti. Un summit ci sarebbe stato anche con l’Inter, con argomento principe il rinnovo del contratto – ora in scadenza nel giugno 2023 – di Stefan de Vrij. La trattativa è tutt’altro che in discesa, visto che il potente agente pretenderebbe quasi il raddoppio dell’attuale stipendio, ovvero circa 3,8 milioni di euro netti. Secondo le informazioni raccolte lo scorso luglio da Interlive.it, Marotta e soci hanno messo sul tavolo un quadriennale (giugno 2024) da 4,5 milioni di euro, per un totale di 18 milioni.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, addio Eriksen | Prezzo e destinazione shock

Calciomercato Inter, è rottura con Raiola: il giocatore si affida alla famiglia

Gli ottimi rapporti tra Raiola e lo stesso Marotta porteranno probabilmente a un accordo, magari a metà strada, scacciando così definitivamente le voci delle scorse settimane che hanno ipotizzato una rottura tra le parti. Per tutte le altre news di calciomercato sui nerazzurri CLICCA QUI.E’ rottura totale, invece, tra il procuratore cresciuto in Olanda e un altro suo ormai ex assistito, vale a dire il centrocampista inglese Jesse Lingard in forza al Manchester United e anche di recente accostato sia all’Inter che al Milan. Stando ad ‘ESPN’, il classe ’92 nativo di Warrington avrebbe deciso di affidarsi alla famiglia, chiudendo del tutto il rapporto con Raiola. Il 27enne è in scadenza nel giugno 2021, ma nel suo contratto è presente un’opzione per il prolungamento automatico fino al 2022 che, tuttavia, i ‘Red Devils’ non hanno ancora esercitato.

Jesse Lingard (Getty Images)

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Inter, Conte ‘trema’ | Problemi fisici per il titolarissimo

Interlive.it | Conte-Inter separati in casa: Marotta e la decisione già presa