Inter-Juventus, Pirlo: “Conte è stato il primo che mi ha fatto pensare di fare l’allenatore”

0
467

Inter-Juventus, il tecnico della squadra bianconera Andrea Pirlo ha voluto dare il suo parere sia sulla sfida di domani sera allo stadio Giuseppe Meazza di Milano sia in merito al tecnico nerazzurro Antonio Conte che lo ha allenato sia in bianconero che nella Nazionale italiana

Inter-Juventus
Andrea Pirlo (Getty Images)

INTER-JUVENTUS PIRLO/ Domani sera alle ore 20,45 allo stadio Giuseppe Meazza di Milano, si sfideranno Inter e Juventus. Il tecnico bianconero incontrerà quindi Antonio Conte, che lo allenò sia nella Juventus che nella Nazionale italiana. Queste le sue prime parole, durante la conferenza stampa di presentazione alla partita: “Conte è stato il primo che mi ha fatto pensare di fare l’allenatore”. Per quanto riguarda la probabile formazione che scenderà in campo domani sera, ha dichiarato: “Morata e McKennie recuperati, Chiellini sta bene e per noi è un valore aggiunto”. Poi ha detto: “Mi aspetto un’Inter aggressiva, che vorrà dare ritmo alla partita. Ma noi siamo la Juventus e vogliamo andare a Milano a fare il nostro gioco, liberi di testa”. Gli hanno domandato se firmerebbe per un pareggio e lui ha spiegato: “No, si parte per cercare di vincere. Come col Milan sarà importante ma non fondamentale per il campionato”. Poi è tornato a parlare del tecnico della formazione nerazzurra e ha ribadito: “Da Conte ho imparato tanto, lui è stato il primo che mi ha fatto pensare di fare l‘allenatore ha fatto la storia della Juve, ora siamo su due panchine diverse e domani saremo avversari. Lui ha un grande spessore umano ma domani saremo avversari. Io e Conte abbiamo due caratteri diversi, forse per questo siamo sempre andati d’accordo. Ci siamo sentiti a inizio campionato, restano grande stima e grande affetto“. Per tutte le altre news clicca QUI.

LEGGI ANCHE>>> Inter-Juventus, derby già decisivo per due fattori: uno mentale, l’altro ‘storico’

LEGGI ANCHE>>> Serie A, Inter-Juventus | Le probabili formazioni

Tornando a parlare della sfida di domani sera, l’allenatore bianconero ha aggiunto: “La partita di domani ci darebbe una spinta importante c’è grande attenzione e grande concentrazione, l’Inter è una grande squadra che si è rinforzata. Noi e loro abbiamo filosofie diverse in questo momento, ma lotteremo fino alla fine per il campionato”. Gli hanno fatto notare, che Antonio Conte ha spostato la pressione sulla squadra bianconera nella sua conferenza stampa e Andrea Pirlo ha risposto: “A lui piace questo, lo conosco bene. Noi non abbiamo problemi, vinciamo da nove anni e mettere pressione su di noi è normale. Siamo la Juventus e dobbiamo essere abituati. Sarà una grande partita”. L’ex centrocampista, ha poi voluto dare una sua chiave di lettura dell’incontro e ha detto: “Mi aspetto inizialmente un avversario aggressivo, che vorrà dare ritmo alla gara. Noi ci siamo preparati anche a questo e non dobbiamo avere paura fare la gara”. Si torna a parlare della possibile formazione e dei giocatori ancora in dubbio, come Alex Sandro e Cuadrado per i quali si attende l’esito dei tamponi, mentre De Light sarà sicuro assente. In merito alla situazione, l’allenatore della squadra piemontese ha spiegato: “Per noi l’olandese è un giocatore importante ma abbiamo campioni di grande spessore in quel ruolo. Chiellini sta bene, è pronto e carico, ha voglia di giocare. Siamo felici che sia a pieno servizio, è un valore aggiunto per noi”. Gli hanno chiesto se Mckennie giocherà dal primo minuto e il tecnico cautamente ha risposto: “Ha recuperato e oggi si è allenato con noi non è al 100% ma già averlo a disposizione è qualcosa di buono, domani vedremo”. Non poteva mancare la domanda su come arginare Hakimi e Andrea Pirlo ha dichiarato: “Abbiamo Ramsey, McKennie e altre soluzioni. Abbiamo pensato e studiato diverse alternative. Le gare ormai sono difficili da interpretare soprattutto giocando ogni tre giorni. Devi essere bravo a sfruttare ogni dettaglio perché basta poco per fare la differenza“. Per quanto riguarda l’attacco non ci sarà Dybala, ma Morata sta bene come ha confermato l’allenatore: “Sta bene, avremmo voluto evitare di farlo giocare 120 minuti mercoledì ma ci siamo complicati la vita. Comunque è pronto“.