Wilson: “L’Inter ha una rosa di altissimo spessore, ma la Lazio sta giocando meglio”

0
171

Inter-Lazio, l’ex giocatore Wilson ha voluto dare la sua opinione sulla sfida di domani sera tra la squadra di Antonio Conte e quella di Simone Inzaghi. L’ex calciatore biancazzurro si è detto convinto che la sua ex squadra potrà fare bottino pieno

Inter-Lazio

INTER WILSON INTERVISTA/ L’ex capitano della Lazio di Tommaso Maestrelli che vinse lo storico campionato del 1974, Giuseppe ‘Pino’ Wilson, ha voluto dare il suo parere sulla sfida di domenica sera allo stadio Giuseppe Meazza di Milano tra l’Inter e la sua ex squadra. L’ex giocatore è stato intervistato da Lalaziosiamonoi.it e ha spiegato: “Con il Cagliari abbiamo dovuto soffrire il loro gioco, mancava solo che anche Di Francesco entrasse per difendere la sua metà campo. Ovviamente in quella situazione per la Lazio è più difficile fraseggiare, ma il gol era stato sempre nell’aria e non sono mai stato preoccupato. L’importante era arrivare all’Inter nelle migliori condizioni fisiche e mentali, penso ci siano i presupposti per fare bene a Milano. Gli uomini di Conte hanno già subito un primo smacco uscendo dalla Champions, ora che sono stati eliminati dalla Coppa Italia contro la propria rivale di sempre potrebbero subire un altro contraccolpo. Sul lungo periodo gioverà loro perché non avranno più impegni infrasettimanali, ma ora non stanno esprimendo il gioco che hanno la Lazio o l’Atalanta.

LEGGI ANCHE>>> Inter-Lazio, Conte: “Ho sbagliato a reagire. Romelu non pensa a Ibra, Barella deve migliorare”

LEGGI ANCHE>>> Calciomercato Inter, assalto al big della Lazio | Maxi scambio

Ovviamente hanno personalità di spessore e hanno fatto tanti risultati, al punto di essere secondi in classifica, ma non ho dubbi: non farei a cambio con nessuno dei loro giocatori. Poi sicuramente Lukaku e Lautaro sono i più pericolosi che stanno tenendo in piedi la baracca, ma c’è anche tanta qualità nei piedi di Barella. L’Inter ha una rosa di altissimo spessore, ma la Lazio ora sta giocando meglio come squadra”.