Calciomercato Inter, nuovo tentativo per Dzeko | Scambio due per uno

0
3787

La telenovela legata al futuro di Edin Dzeko potrebbe arricchirsi di un nuovo capitolo estivo. Vicino all’Inter a gennaio potrebbe tornare in auge a giugno 

Inter
Dzeko (Getty Images)

Nelle battute conclusive del calciomercato di gennaio ha preso quota l’ipotesi di uno scambio tra Edin Dzeko e Alexis Sanchez, salvo arenarsi irrimediabilmente nel giro di una manciata di ore. Si trattava in quel momento di un’operazione complicatissima da portare in porto a causa della differenza a bilancio degli ingaggi dei due attaccanti che avrebbero causato problematiche proprio all’Inter. Nulla di fatto quindi con il bosniaco che è rimasto a Roma per concludere la stagione alla corte di Fonseca, provando nei limiti del possibile a ricucire lo strappo per il bene della squadra. Dzeko per ora è rientrato in campo solo da comprimario alle spalle di Borja Mayoral e nella seconda metà di stagione vedremo se e quanto verrà realmente impiegato dall’allenatore lusitano. Per tutte le news di calciomercato e non solo sui nerazzurri CLICCA QUI.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, sfuma l’erede di Handanovic | Accordo di massima

LEGGI ANCHE >>> Interlive.it | Calciomercato, niente Inter: ha già firmato con un altro club

Calciomercato Inter, non è finita per Dzeko: nuovo tentativo

Calciomercato Inter
Edin Dzeko (Getty Images)

A dispetto di quanto accaduto negli ultimi giorni del mercato invernale, il nome di Dzeko potrebbe tornare di moda in estate per l’Inter. Accostato a più riprese alla squadra di Conte, il bosniaco potrebbe tornare in orbita grazie al nuovo agente Lucci. L’attaccante vuole assolutamente lasciare la Roma, e il procuratore può riprovarci con uno scambio Dzeko-Sanchez inserendo però anche l’altro suo assistito Matias Vecino.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, svolta totale | Firma senza clausola

In questo modo con l’addio l’uruguaiano colmerebbe quasi il divario fra gli stipendi di Dzeko e Sanchez che avevano bloccato l’operazione a gennaio. Quello del cileno è infatti inferiore al lordo di circa quattro milioni grazie al decreto crescita.