Juventus-Inter 3-2 | Pirlo batte Conte, ma è decisivo Calvarese. Riscatto Lautaro

0
250

Cronaca, tabellino, top e flop del derby d’Italia Juventus-Inter valevole per la 37esima giornata del campionato di Serie A

Juventus-Inter 3-2 (Getty Images)

L’Inter va ko all’Allianz Stadium al termine di una partita che farà molto discutere. Decisivo alla fine l’arbitro Calvarese, il quale dopo il 2-2 firmato dall’autorete di Chiellini – episodio rivisto al Var, prima lo aveva annullato per trattenuta di Lukaku – regala poco prima del novantesimo un rigore ai bianconeri per fallo di Perisic su Cuadrado (che non c’è) che trasforma lo stesso colombiano tenendo vive le speranze Champions della squadra di Pirlo, in dieci per buona parte della ripresa a causa dell’espulsione – va detto, esagerata – di Bentancur. Nel finale rosso, questo giusto, pure a Brozovic intervenuto in scivolata su Cuadrado, già autore del momentaneo 2-1 con un tiro da fuori deviato da Eriksen. Brozovic era stato ammonito per proteste dopo il fischio del secondo penalty alla Juve. Il primo, un po’ generoso, era stato dato a inizio partita a seguito di una trattenuta di Darmian, il secondo all’Inter per il pestone di de Ligt su Lautaro siglato poi da Lukaku. In sintesi: Calvarese, aiutato e non aiutato dal Var, pessimo in una partita che non valeva lo scudetto ma che può valere la Champions. Ora tocca a Napoli e Milan.

Per tutte le altre news sui nerazzurri CLICCA QUI.

LEGGI ANCHE >>> ESCLUSIVO | Erede Handanovic: Inter convinta di averlo già in casa

Top e Flop Juventus-Inter

TOP

Lautaro – Riscatta il pessimo con una grande partita a cui è mancata la ciliegina, ovvero il gol. Anzi di gol ne ha fatto uno straordinario, in sforbiciata, anche se qualche attimo dopo il fischio del fallo di Lukaku a Chiellini.

Hakimi – Quasi mai bello da vedere, ma sempre in partita con un alto livello di pericolosità. Con Lautaro, ma anche con Brozovic e Barella, ci crede fino alla fine.

FLOP

Darmian – Distratto, inconcludente e sprovveduto. Protagonista in negativo nei due gol della Juve. Conte non a caso lo cambia già all’intervallo.

Eriksen – Nel secondo tempo riscatta un po’ un primo tempo modesto, simile a quello di Darmian. Troppo poco, da lui ci si aspetta una maggiore incisività e anche qualche tiro in porta.

TABELLINO
Juventus-Inter 3-2
23′ rig.Ronaldo, 34′ rig.Lukaku, 48′ Cuadrado, 85′ aut.Chiellini, 88′ rig.Cuadrado

Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, de Ligt, Chiellini, Alex Sandro; Cuadrado, Bentancur, Rabiot, Chiesa (70′ Demiral); Kulusevski (57′ McKennie), Cristiano Ronaldo (70′ Morata). All.: Pirlo

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni (80′ Vecino); Hakimi, Barella, Brozovic, Eriksen (72′ Sensi), Darmian (45′ Perisic); Lukaku, Lautaro. All.: Conte

Arbitro: Calvarese di Teramo
Var: Irrati
Ammoniti: Kulusevski, Bentancur, Darmian, Lautaro, Bastoni, Chiellini, Brozovic, Cuadrado
Espulsi: Bentancur, Brozovic
Note: 3′ recupero pt; 4′ st