Barella come Brozovic: non c’è un vero sostituto

0
96

Nicolò Barella resta uno degli imprescindibili elementi dell’Inter di Inzaghi, al pari di Brozovic con cui domina il centrocampo

Dimarco e Barella © Getty Images

La vittoria numero 1500 nella storia dell’Inter porta le firme di Darmian, Dzeko e Perisic su di un campo ostico e contro una formazione pericolosa come la Fiorentina, rivoluzionata dai dettami di Italiano. Al fischio finale di partite tanto sentite sono spesso i marcatori a prendersi la scena, così gli altri leader restano più defilati ad osservare. Non può, non deve essere questo il caso per Nicolò Barella. Al centrocampista di appena ventiquattro anni vanno dati tutti i meriti dell’ennesima grintosa prestazione per onnipresenza e visione di gioco, coronata dal quarto assist in cinque partite. Per Inzaghi, che finora lo ha sostituito soltanto a gara in corso senza farlo mai partire dalla panchina, è essenziale sulla mediana. Tanto essenziale da essere stato messo alla pari di Marcelo Brozovic, altro gigante indiscusso. I due adesso fanno del centrocampo quello che vogliono e sono inseparabili anche nella sfera privata, fra chiacchiere e risate sui social. Un’intesa da fare invidia a qualunque altra squadra del campionato.

LEGGI ANCHE >>> Dzeko, in declino ma importante: a Firenze il primo gol pesante

LEGGI ANCHE >>> Spalletti entra a gamba tesa: ‘scippo’ a zero all’Inter

Calciomercato, all’Inter farebbe comodo un vice Barella

Calciomercato Inter
Barella con indosso la nuova maglia dell’Inter

Per le qualità e le doti che si ritrova, Barella è certamente un calciatore unico nel suo genere. Ha corsa, resistenza, aggressività, una buona visione di gioco e una discreta capacità nel segnare dalla distanza. Trovare un profilo polivalente simile non è compito facile, ma l’Inter ne avrebbe bisogno per poterlo far rifiatare e senza rinunciare al tipo di impatto che ha sul gioco. A lui si avvicina molto un vecchio obiettivo dei nerazzurri e più volte vicino a vestirne la maglia: Nahitan Nandez del Cagliari. La trattativa per il trasferimento dell’uruguagio era ben avviata ma ha subito una brusca frenata che ha ne ha complicato la finalizzazione. Chissà che non possa tornare di moda a gennaio…