Calciomercato Inter, clamoroso: subito con Conte al Tottenham

0
821

L’arrivo di Conte al Tottenham potrebbe privare l’Inter di due importanti pedine del gioco di Inzaghi, entrambi in scadenza

E’ oramai imminente la firma di Conte sulla panchina del Tottenham che segna il gradito ritorno del tecnico italiano in Inghilterra dopo la parentesi col Chelsea di qualche anno fa e l’annata vincente con l’Inter in Serie A

Antonio Conte, prossimo tecnico del Tottenham ©Getty Images

E’ proprio dal club nerazzurro che i londinesi vorrebbero strappare almeno due nomi importanti degli schemi di Inzaghi: Brozovic e Perisic. Entrambi i croati hanno i contratti in scadenza e sebbene del secondo fosse stata già messa in conto la possibilità di una partenza, proprio verso le coste d’oltremanica da lui sempre ambite, lo stesso non si poteva dire del primo che è ancora alle prese con la trattativa di un rinnovo che non pare trovare sbocchi rassicuranti. Paratici, attuale direttore sportivo del Tottenham, potrebbe dunque approfittare della situazione a gennaio affrontando faccia a faccia l’ex amico e collega Marotta.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, 15 milioni in cinque anni | Così Marotta batte Juve e Roma

LEGGI ANCHE >>> Calhanoglu e Darmian, messaggi social: “Vittoria importante, adesso avanti così”

Calciomercato, vuoto Inter se Brozovic e Perisic vanno al Tottenham. Gli Spurs tentano lo scambio

Inter
Inzaghi e Brozovic in Inter-Real © Getty Images

Inzaghi avrebbe nette difficoltà a rimpiazzare due pedine essenziali come Brozovic, tuttofare di centrocampo, e Perisic infaticabile motore della fascia sinistra. I due hanno sinora confermato le loro qualità in ogni competizione a cui hanno preso parte senza destare neppure una volta il sospetto di voler alzare bandiera bianca sul progetto nerazzurro. Sarebbe netto, dunque, il rifiuto dell’Inter ad intavolare una qualunque trattativa. Stando a ‘Sportmediaset’, per Brozovic il Tottenham vuole tentare uno scambio clamoroso da 30 milioni di euro col francese Ndombele, nel mirino della Juventus. Uno scambio però impossibile, già solo considerato il maxi ingaggio (12 milioni di euro netti l’anno) dell’ex Lione.