SEG risponde a de Vrij: “Non è stato arrecato alcun danno, sapeva come stavano le cose”

0
552

Giunge la risposta della ex agenzia sportiva del calciatore Stefan de Vrij alle accuse di arricchimento illecito e danno reputazionale

Qualche giorno fa si era parlato dell’accusa rivolta da Stefan de Vrij e la conseguente chiamata a giudizio nei confronti dell’ex agenzia di affari sportivi del difensore ‘Sports Entertainment Group’, altrimenti nota coll’acronimo SEG, prima che questi passassero nelle esperte mani di Mino Raiola.

Inter
Stefan de Vrij (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> Quel giorno in cui Brozovic era prossimo al Siviglia, poi divenne maestro d’orchestra

LEGGI ANCHE >>> Allegri: “Szczesny out, Dybala da valutare. Contro l’Inter sfrutteremo gli episodi”

Secondo quanto dichiarato dai legali del calciatore, l’agenzia avrebbe inserito all’interno del contratto – a sua insaputa – una clausola secondo la quale sarebbe dovuta essere corrisposta all’agenzia stessa una ingente somma di denaro nel momento in cui il valore del suo cartellino fosse schizzato alle stelle nel giro di cinque anni solari dopo il trasferimento dalla Lazio all’Inter. Il calciatore avrebbe dunque chiesto un risarcimento da 22 milioni di euro. Di tutta risposta, l’istituto ha invece ribadito quanto inizialmente affermato dal direttore Kees Vos: “A Stefan non è stato arrecato alcun danno, era a conoscenza di quelli che erano stati i patti presi per l’intermediazione”. Le parti discuteranno presso il Tribunale di Amsterdam il prossimo febbraio.