22 milioni di risarcimento per de Vrij, agenzia SEG alle strette

0
387

Il difensore dell’Inter ha chiesto l’ingente somma come risarcimento accusando l’ex agenzia di ‘arricchimento illecito’

Stefan de Vrij, difensore centrale dell’Inter, ha citato in giudizio l’ex agenzia Sports Entertainment Group (abbreviato SEG, ndr) che ne gestiva le pratiche sportive prima che queste passassero in mano al procuratore Mino Raiola.

de Vrij
Stefan de Vrij © LaPresse

Nello specifico, l’accusa mossa nei confronti di SEG è di arricchimento illecito per aver inserito nel contratto del calciatore, a sua insaputa, una clausola a proprio favore da 7,5 milioni di euro qualora il valore del cartellino avesse superato i 50 milioni di euro nel giro di cinque anni solari dalla data della stipula. Scoperto l’arcano, de Vrij avrebbe chiesto mediante i suoi legali la differenza tra quanto attualmente percepito e quello massimo raggiungibile, una cifra vicina ai 22 milioni di euro.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, agente sbarcato a Milano: incontro con l’Inter

LEGGI ANCHE >>> Buone notizie per Inzaghi: Dzeko negativo al primo tampone

De Vrij e SEG in tribunale, il direttore Vos punta il dito

Mino Raiola ©LaPresse

Il fatto di cronaca, lanciato pubblicamente dalla testata olandese ‘De Telegraaf’, sarà discusso in tribunale il prossimo febbraio. Nel contempo non si è fatta attendere la pungente risposta del direttore responsabile dell’agenzia Kees Vos che ritiene il fatto una ‘ridicola iniziativa’ del calciatore interista, lasciatosi erroneamente convincere che all’agenzia non spettasse alcun compenso.